Tiscali.it
SEGUICI

US Open Story, stasera Alcaraz-Tsitsipas 2021: 3 motivi per vederla

di SuperTennis   
US Open Story, stasera Alcaraz-Tsitsipas 2021: 3 motivi per vederla

Dopo oltre trent'anni, lo US Open sarà trasmesso in chiaro. Per la prima volta sarà SuperTennis a offrire a tutti gli appassionati, gratis, l'ultimo Slam della stagione. 

Per avvicinarci al meglio alla grande esclusiva del 2023 su SuperTennis, durante il Roland Garros e Wimbledon trasmetteremo alcuni grandi match della storia dello US Open. Stasera alle 21.30 rivivremo la sfida del 2021 tra Carlos Alcaraz e Stefanos Tsitsipas. Ecco i tre motivi per vederla:


1 - Perché è l'inizio della rivoluzione

Un anno prima dello US Open 2021 Carlos Alcaraz era fuori dai primi 200 del mondo. Ma le cose sono molto cambiate. A giugno di quell'anno è diventato il più giovane a raggiungere il terzo turno al Roland Garros. Ha vinto il primo titolo ATP a Umag, e ha bissato il terzo turno anche allo US Open. Il teenager è il più giovane dopo Novak Djokovic ad aver giocato più di un terzo turno in un major. 

E fa di più. Contro Tsitsipas, il 3 settembre 2021, nello stadio più grande del mondo per il tennis, l’Arthur Ashe Stadium di New York, conquista la folla e batte Tsitsipas, numero 3 del mondo in quel momento. Centra la sua prima vittoria in carriera su un Top 10 con una naturalezza e una presenza scenica degna del miglior Pete Sampras o di Marat Safin che nel 2000 scandì un altro rivoluzionario passaggio di tempo proprio contro Sampras in finale allo US Open. Ma Pistol Pete era ormai sul viale del tramonto. Tsitsipas, allora numero 3 del mondo a 23 anni, no di certo.


2 - Perché i campioni riconoscono il futuro campione

In effetti il neo-maggiorenne spagnolo aveva giocato solo tre volte contro un avversario classificato tra i primi dieci del mondo al momento della partita. E in quelle tre sfide contro i Top 10 non aveva vinto nemmeno un set. A New York però succede qualcosa di magico. Lo spagnolo completa la partita con il più importante dei suoi sessanta vincenti. La sua prestazione attira l'attenzione di Yevgeny Kafelnikov, il primo russo numero 1 del mondo nella storia del ranking ATP. “Entro tre anni – ha commentato – Alcaraz sarà numero 1”. Gliene basterà uno.


3 - Per capire il fenomeno Alcaraz

Rivedere la partita permette agli spettatori di tornare all'inizio della scalata di Alcaraz. E' una sorta di prequel di quanto stiamo vedendo nel circuito. E sorprende come le caratteristiche che affascinano nel tennis del murciano erano già evidenti allora. Il tennis era maturo, la leggerezza evidente, negli spostamenti e nella testa. Ma allo stesso tempo emerge una compostezza di fondo, la predisposizione a non darsi delle arie, a non farsi travolgere dalla situazione.

“Cerco di dirmi che tutto questo è normale” ha spiegato dopo la partita, con moderata tranquillità e i tratti della leggerezza pensosa che l'avrebbero spinto verso vette allora inesplorate.

di SuperTennis   
I più recenti
Halle, finale Sinner-Hurkacz: live dalle 14 segui gli aggiornamenti
Halle, finale Sinner-Hurkacz: live dalle 14 segui gli aggiornamenti
Professionalità e concentrazione: attento Musetti,  Paul il bello adesso fa sul serio
Professionalità e concentrazione: attento Musetti, Paul il bello adesso fa sul serio
Djokovic a Wimbledon lunedì, ma non scioglie la riserva
Djokovic a Wimbledon lunedì, ma non scioglie la riserva
Beffa Errani, Pera-Parks è la finale a Gaiba
Beffa Errani, Pera-Parks è la finale a Gaiba
Le Rubriche

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Pierangelo Sapegno

Giornalista e scrittore, ha iniziato la sua carriera giornalistica nella tv...

Andrea Curreli

Cagliaritano classe '73 e tifoso del Cagliari. Studi classici e laurea in...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Italo Cucci

La Barba al palo, la rubrica video a cura di Italo Cucci, famoso giornalista...