Us Open, Vince Djokovic, è il 14esimo slam

Us Open, Vince Djokovic, è il 14esimo slam
di Askanews

Roma, 10 set. (askanews) - Non è bastato un tifo da stadio, con cori ritmati e un incitamento costante, a Juan Martin Del Potro per conquistare di nuovo New York dopo la storica impresa del 2009. E' Novak Djokovic il re degli US Open, quarto e ultimo Major stagionale, che hanno emesso il loro verdetto dopo due intense settimane sul cemento di Flushing Meadow: 63 76(4) 63 il punteggio con cui il serbo, in tre ore e un quarto, ha superato l'argentino, scrivendo il suo nome nell'albo d'oro per la terza volta dopo i trionfi del 2011 e del 2015, in quella che era la sua ottava finale nella Grande Mela - eguagliato il record di Ivan Lendl e Pete Sampras - e la 23esima in uno Slam.Lui che dodici mesi era stato costretto a fare da spettatore per via dell'infortunio al gomito, dopo aver sollevato il trofeo a Wimbledon a luglio, ha così ulteriormente arricchito la sua collezione di Slam: sono diventati ora 14, proprio come Sampras, e solo Roger Federer (a quota 20) e Rafa Nadal (17) li precedono in questa speciale graduatoria. Si tratta del terzo titolo nel 2018 per il 31enne di Belgrado, che dopo aver messo tutti in fila sull'erba londinese a metà agosto aveva completato per primo il 'Golden Career Masters' sfatando finalmente il tabù Cincinnati, e il 71esimo in carriera. Una vittoria che lo riporta sul podio mondiale, da dove Nole - aveva iniziato questo torneo da numero 6 Atp - mancava da giugno 2017.