WPT, Open Madrid: la 15enne Claudia Jensen Servent entra nel tabellone principale

WPT, Open Madrid: la 15enne Claudia Jensen Servent entra nel tabellone principale

La bandierina abbinata al nome di Claudia Jensen Sirvent è l’unica tricolore a trovare posto nei tabelloni principali dell'Adeslas Open di Madrid, la prova che apre il World Padel Tour 2021. Confermando quel che di buono si dice di lui e il notevole potenziale in prospettiva futura, la 15enne mancina italo-spagnola, numero 84 del ranking WPT, ha infatti superato le qualificazioni guadagnando il pass per la competizione in scena al Wizink della capitale spagnola.

Jensen Sirvent, figlia di un ex professionista di origine argentina (Cristian) mentre mamma Claudia è di madre abruzzese, e la spagnola Sandra Bellver (n.58 WPT) hanno esordito nella “pre-previa” travolgendo con un doppio 60 la francese Melissa Martin (n.110) e la spagnola Martina Fassio (n.113), poi nella “previa” hanno superato in tre set le iberiche Marina Martinez e Sofia Saiz (57 62 76) e sempre al terzo, con il punteggio di 62 36 61, si sono imposte sulla spagnola Ariadna Cañellas e la francese Léa Godallier, facendo valere nei momenti chiave del match la loro velocità di colpi e il dinamismo in campo così da meritarsi l’ingresso al “Cuadro Final”.

Per la giovanissima italo-spagnola, due anni fa campionessa del mondo under 14 (a Castellòn, insieme a Noemi Aguilar), si tratta della terza qualificazione a un tabellone principale WPT dopo quelle ottenute lo scorso anno nell’Open di Las Rozas e nel Master di Barcellona. 
A sbarrare la strada a Jensen Sirvent/Bellver è stata nei 16esimi la coppia  formata dalla portoghese Ana Catarina Nogueira (n.13 del ranking) e dalla spagnola Teresa Navarro (n.25), che si sono aggiudicate la sfida per 75 61.


A Madrid erano presenti anche alcune coppie tutte italiane. In particolare nella gara femminile sono uscite di scena nel 2° turno di “pre-previa” Chiara Pappacena e Giulia Sussarello, sconfitte 63 64 dalle giovanissime spagnole classe 2004 Noa Canovas (n.145) e Jimena Velasco Garcia (n.101).

Carolina Orsi e Carlotta Casali hanno esordito nelle pre-qualificazioni regolando 64 62 le portoghesi Margarida Fernandes e Patrícia Maria Ribeiro e poi piegando in rimonta l’uruguayana Manuela Isabel Alaga (n. 62 WPT) e la spagnola Estela Francés Fernández (n.77) per 26 76 63, prima di cedere nel 1° turno di “previa”, complice anche la stanchezza (terza partita in meno di 24 ore), alla coppia ispanico-argentina Sara Ruiz Soto (n.57) e Celeste Paz (n.36) per 63 62.


Stessa sorte per Emily Stellato e Valentina Tommasi, che hanno sconfitto al 1° round di “pre-previa” per 76 63 le iberiche Eunice Maria Rodriguez Garcia e Priscila Rodriguez Garcia, per poi prevalere in rimonta (36 63 64) sulle giovani spagnole Monica Gomez Rivas (n. 76) e Laia Bonilla Torres (n.74) raggiungendo così per la prima volta insieme le “previa” in un World Padel Tour, dove il binomio targato Canottieri Aniene Roma ha dovuto cedere il passo ad Ángela Caro (n.48) e Nuria Rodríguez (n. 46) per 64 75.


In ambito maschile non sono riusciti a superare il primo ostacolo gli azzurri Simone Cremona e Daniele Cattaneo, tornati a fare coppia dopo la separazione fra il piacentino e Marcelo Capitani (binomio che aveva dettato legge nella Penisola lo scorso annoo) e in gara con una wild card: nel primo turno di “pre-previa” sono usciti battuti con un periodico 64 dagli iberici Jaime Munoz Enrile e Javier Garcia Mora. Lorem ipsum