WPT: per Pappacena e Sussarello resta comunque una bella favola

WPT: per Pappacena e Sussarello resta comunque una bella favola

La Top 10 mondiale è una vetta ancora troppo impervia da scalare, ma Chiara Pappacena e Giulia Sussarello salutano ugualmente col sorriso il Cupra Las Rozas Open de Madrid. Perché quella madrilena resterà comunque una tappa storica per i colori italiani nel World Padel Tour. Il tandem azzurro si è dovuto inchinare negli ottavi di finale alle fortissime spagnole Patricia Llaguno ed Elisabet Amatriaìn, 6 del tabellone. La coppia iberica, numero 10 al mondo, come era nelle previsioni ha dominato l’incontro, chiuso 60 62 contro le pluricampionesse d’Italia (Pappacena, 26 anni è numero 72 del ranking, mentre la 28enne Sussarello è numero 76). Match andato in archivio in 54 minuti: dopo mezzora di gioco e perso a zero il primo parziale, è arrivato il primo game conquistato in apertura di secondo set con Giulia Sussarello al servizio, che poi ha tenuto nuovamente la battuta anche nel quinto gioco, prima che le spagnole prendessero definitivamente il sopravvento.

Per Pappacena e Sussarello resta comunque lo storico traguardo degli ottavi di finale, mai ottenuto da una coppia italiana in una tappa del World Padel Tour, il circuito professionistico che vede impegnati mostri sacri spagnoli e argentini. Per arrivare tra le prime 16 coppie del tabellone, le azzurre sono passate ancora una volta dalle “pre-previa”, cioè le pre-qualificazioni. E al primo turno del successivo tabellone, quello di qualificazione, hanno battuto (6-3 6-3) la coppia formata da Julieta Bidahorria, n.82, e Catalina Tenorio, n.21 del mondo.