Cristiano Ronaldo tira un sospiro di sollievo: ritirata l'accusa di stupro

A maggio l'ex modella avrebbe volontariamente ritirato la denuncia contro l'attaccante della Juve. Gli avvocati delle due parti non hanno commentato

Cristiano Ronaldo tira un sospiro di sollievo: ritirata l'accusa di stupro
di Redazione Tiscali Sport

"So chi sono e cosa ho fatto, la verità verrà fuori". Questa è sempre stata la linea di Cristiano Ronaldo davanti alle accuse di Kathryn Mayorga per la presunta violenza sessuale avvenuta nel 2009. Ora l'ex modella americana avrebbe ritirato la denuncia per stupro contro il campione portoghese della Juventus. Secondo quanto pubblicato sul sito Bloomberg, a maggio l'ex modella, oggi insegnante, avrebbe depositato a Las Vegas un avviso di "voluntary dismissal" presso il tribunale statale dello stato del Nevada.

Gli avvocati non commentano

Non si sa se la decisione di Mayorga sia la conseguenza di un accordo con lo staff dei legali di CR7. Nessun commento da parte degli avvocati Leslie Stovall, che sosteneva Mayorga, e Peter Christiansen, legale di Ronaldo. L'agenzia americana riferisce che anche la polizia di Las Vegas, che aveva riaperto l'indagine, non ha rilasciato dichiarazioni. A metà ottobre del 2018, dopo aver esaminato le prove in mano alla polizia di Las Vegas, l'avvocato Christiansen si è era detto "fiducioso" per l'archiviazione del caso.

La denuncia di Mayorga presentata a settembre  

Secondo Mayorga la presunta violenza sarebbe avvenuta il 13 giugno 2009 in un albergo di Las Vegas. Cristiano Ronaldo, allora era un giocatore del Manchester United ma era stato ceduto al Real Madrid. Il caso dei presunti abusi era stato però riaperto dalla polizia di Las Vegas nell'autunno del 2018. Il 27 settembre la Mayorga aveva denunciato il campione portoghese accusandolo di violenza sessuale nei suoi confronti.

Il presunto "patto di riservatezza"

Era poi emerso un presunto "patto di riservatezza". Secondo l'accusa, il calciatore allora avrebbe pagato 375 mila dollari alla donna per ottenere il suo silenzio. La stampa portoghese aveva scritto che sarebbe stato il Real Madrid a spingere il portoghese a firmare l'accordo per evitare una ricaduta negativa sull'immagine del club. Agli inizi del 2019 la polizia di Las Vegas aveva ordinato che l'attaccante della Juventus si sottoponesse all'esame del Dna, richiesta che era stata inviata alle autorità giudiziarie italiane competenti. Ora cadono definitivamente le accuse di stupro.