Cristiano Ronaldo: "La Juve è una famiglia di giocatori umili. Messi? Venga in Italia"

Il fantasista portoghese esalta la sua nuova squadra: "È molto diverso da Madrid, questa è più una famiglia". Sul Pallone d'Oro: "Penso di meritarmelo ogni anno"

TiscaliNews

"La Juventus non è solo Cristiano Ronaldo". Parola di Luciano Spalletti prima del derby d'Italia perso dall'Inter contro i bianconeri. E' vero ma CR7 ha rafforzato una squadra già molto forte che ora punta con decisione all'ambito "Triplete" ovvero scudetto, Champions League e coppa Italia. L'inserimento del fantasista portoghese è stato positivo e lo stesso Ronaldo esalta la sua nuova squadra.

"La Juve è una famiglia di giocatori umili"

"La Juventus è un club fantastico, con una organizzazione stupefacente - ha detto CR7 -. Qui i giocatori sono umili, lavorano molto. Sì, la mia impressione finora è fantastica. Posso dire che questo è il miglior gruppo in cui abbia giocato. Qui siamo una squadra, altrove qualcuno si sente più grande degli altri, invece qui sono tutti sulla stessa linea, sono umili e vogliono vincere. Se Dybala o Mandzukic non segnano, li vedi comunque felici, sorridono. Per me è bello, percepisco la differenza". Poi c'è un parallelo che non piacerà ai tifosi del Real Madrid che per anni lo hanno sostenuto. "Anche a Madrid sono umili ma qui sento che lo sono di più. È molto diverso da Madrid, questa è più una famiglia", ha detto il portoghese.

"Mi piacerebbe che Messi venisse in Italia"

Se si parla di Cristiano Ronaldo non si può non parlare di Messi. La "Pulce" argentina è stata per anni la grande rivale del portoghese nella Liga spagnola. Una rivalità fatta di gol e Palloni d'Oro vinti all'interno della competizione tra Real e Barcellona. "Messi? Mi piacerebbe che venisse in Italia, un giorno - ha detto Ronaldo -. Faccia come me, accetti la sfida. Però, se è felice lì, lo rispetto: è un fantastico giocatore, un bravo ragazzo ma qui non mi manca niente. Questa è la mia nuova vita e sono felice. Io ho giocato in Inghilterra, Spagna, Italia, Portogallo, nella nazionale, mentre lui sta sempre in Spagna. Magari ha più bisogno lui di me... Per me la vita è una sfida, mi piace e mi piace far felici le persone".

"Penso di meritarmi il Pallone d'Oro ogni anno"

C'è poi il Pallone d'Oro, finito quest'anno nelle mani dell'ex compagno al Real, Modric. Le sorelle del portoghese, Katia ed Elma, hanno contestato la mancata assegnazione del premio a CR7. "Questo è un mondo dove comandano i miserabili, i mafiosi e i soldi", ha detto Elma. Più diplomatico il commento di Cristiano Ronaldo: "Io penso di meritarmelo ogni anno - dice -, lavoro per quello. Ma complimenti a Modric, lo ha meritato, però sappia che il prossimo anno farò di tutto per essere ancora lì. Capito?".