Francesca Fioretti ricorda il "suo" Astori: "Il destino mi ha rapinata"

La compagna dell'ex capitano della Fiorentina racconta la sua vita dopo la tragedia: "Per me è 4 marzo ogni giorno. È stato un anno straziante, difficile e impegnativo"

di Redazione Tiscali Sport

"Muore giovane chi è caro agli dei" recita un frammento poetico di Menandro. E Davide Astori è scomparso quando era un giovane all'apice del suo successo calcistico e con una splendida famiglia composta da Francesca Fioretti e dalla piccola Vittoria. L'ex capitano della Fiorentina è scomparso il 4 marzo 2018 in un albergo friulano prima della sfida di campionato contro l'Udinese. Recentemente la procura di Firenze ha chiuso le indagini sulla sua morte e indagato per omicidio colposo due medici. Il 4 marzo, in occasione della triste ricorrenza della sua morte, in tanti hanno voluto ricordare con affetto l'uomo dal sorriso dolce e il giocatore leale che in campo preferiva il dialogo alla polemica. In tanti hanno ricordato Astori, ma Francesca Fioretti ha scelto il silenzio. Parla ora in una commovente intervista rilasciata a Vanity Fair.

"Per me è 4 marzo ogni giorno"

Si parte dalla data simbolo della tragedia: il 4 marzo. "Gli amici mi domandano: 'Ma il 4 marzo hai dormito?' E io penso che per me è 4 marzo ogni giorno - ha detto la compagna del calciatore di Cagliari e Fiorentina -. Quattro marzo quando mangio, 4 marzo quando vado a dormire, 4 marzo quando compro un biglietto di treno, organizzo un viaggio e penso che accanto a me Davide non ci sarà più. Mi è caduta addosso una tragedia, una disgrazia così grande da cambiare per sempre la mia prospettiva sulle cose. È stato un anno straziante, difficile e impegnativo. Non credevo di essere così forte".

"Parlare di Davide al passato è impossibile"

Per Francesca "parlare di Davide al passato è impossibile".  "Prima che Davide se ne andasse ero soltanto Frà, una ragazza della mia età - ha aggiunto l'ex showgirl -. Più spensierata che matura. Poi il destino mi ha rapinato. Con un furto mi ha rubato all’improvviso tutto quel che avevo e sono diventata Francesca".