Tiscali.it
SEGUICI

Pippo Inzaghi via da Salerno con rabbia: "Errore suo e taglia la mia testa"

Il dg granata: "Mi scuso perché non l'ho aiutato abbastanza". La replica di "SuperPippo": "Non sento il peso di un fallimento, missione incompiuta non per mia volontà. A poco servono le frasi consolatorie di Sabatini"

di Tiscali Sport   

Prima l'esonero ufficiale dalla Salernitana, poi le scuse del dg granata Walter Sabatini. Pippo Inzaghi lascia la panchina della squadra campana (ultima in classifca) a Fabio Liverani, ma si toglie qualche sassolino dalla scarpa e replica duramente a Sabatini.

"Mi scuso con Inzaghi perché non l'ho aiutato abbastanza"

"Sento di dover dire necessariamente la verità - aveva detto il dg granata -. Mi scuso con Inzaghi perché non l'ho aiutato abbastanza. Il mercato di gennaio l'ho portato avanti un po' a rilento anche per una serie di episodi che mi hanno condizionato. Non sono riuscito a portare i rinforzi nei primissimi giorni di gennaio. E per questo mi scuso con lui e gli auguro tutta la fortuna di questo mondo. Avrei voluto e dovuto farlo ma non ci sono riuscito".

"Il momento della separazione è sempre complicato"

Immediata la replica di Pippo Inzaghi sui social che ha voluto ringraziare la piazza calcistica di Salerno. "Il momento della separazione è sempre complicato, specie quando si subisce la decisione. Salerno in pochi mesi mi è entrata dentro. In giro per le strade, tifosi e gente comune mi fermano, con rammarico e dispiacere, per un saluto, una foto, una stretta di mano. L'unica parola che ora sento di dire dal cuore è 'Grazie'. Per l'accoglienza, la stima e la fiducia".

"Non sento il peso di un fallimento"

Poi l'affondo diretto a Sabatini. "Non sento il peso di un fallimento, sento la debolezza di una missione incompiuta non per mia volontà - ha detto l'ex tecnico -, assieme al grande senso di responsabilità per una città e una tifoseria tra le più belle d'Italia. Confermo che per due volte ho provato a scuotere l'ambiente dall'interno, paventando le mie dimissioni ma sono sempre stato persuaso a continuare perché in fondo anche per me vale una sola frase: fino alla fine". "Ho sposato il progetto con trasparenza - ha aggiunto Inzaghi - e quest'ultima è ciò che avrei voluto, soprattutto sul mercato che, a mio avviso è stato tardivo e non in linea. A poco servono oggi le frasi consolatorie del direttore Sabatini, anche perché non vedo il senso di chiedere scusa su un proprio errore e tagliare la testa ad un altro. Io vivo per il calcio e per la lealtà che mi ha insegnato è per questo che amo la tifoseria, perché è leale e purtroppo è ciò che vorrei anche all'intero dell'ambiente ma forse sono utopico".

 

di Tiscali Sport   

I più recenti

Calcio: Sara Gama rinnova con la Juventus Women fino al 2025
Calcio: Sara Gama rinnova con la Juventus Women fino al 2025
Calcio: Cairo, 'Il mio Toro darà l'anima nel derby'
Calcio: Cairo, 'Il mio Toro darà l'anima nel derby'
Calcio: Bayer Leverkusen. Primo match-point titolo, Alonso Fiduciosi
Calcio: Bayer Leverkusen. Primo match-point titolo, Alonso Fiduciosi
Violenza sessuale, chiesti 3 anni e 6 mesi per Lucarelli jr
Violenza sessuale, chiesti 3 anni e 6 mesi per Lucarelli jr

Le Rubriche

Pierangelo Sapegno

Giornalista e scrittore, ha iniziato la sua carriera giornalistica nella tv...

Andrea Curreli

Cagliaritano classe '73 e tifoso del Cagliari. Studi classici e laurea in...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Italo Cucci

La Barba al palo, la rubrica video a cura di Italo Cucci, famoso giornalista...