Tiscali.it
SEGUICI

Romario e il clamoroso ritorno in campo a 58 anni: "Giocherò con mio figlio"

L'attaccante del Brasile campione del mondo del 1994 scenderà nuovamente in campo con l'América de Rio de Janeiro: "Giocherò solo qualche partita"

di Tiscali Sport - (video Onefootball Publishers.com)   

"Jogar ao lado do meu filho" ovvero "Giocare con mio figlio". E' questa la motivazione che ha spinto Romario a 58 anni a riprendere le scarpette appese al chiodo una quindicina di anni fa e annunciare il suo clamoroso ritorno in campo. E così Romario, senatore (è stato eletto nel 2015 e rieletto nel 2022) e presidente da gennaio 2024 dell'America di Rio de Janeiro affiancherà nell'attacco della sua squadra il trentenne Romário de Souza Faria Filho meglio noto come "Romarinho". Romario ha già giocato nell'América-RJ. Nel 2009, dopo aver lasciato il calcio giocato nel marzo del 2008, aveva deciso di vestire la maglia rossa in omaggio al padre defunto. Una sola presenza (contro l'Artsul senza segnare e partendo dalla panchina, ndr) per l'ex campione del mondo nel 1994 con il Brasile e poi il ritiro definitivo sino ad oggi.

"Giocherò solo qualche partita"    

"Non giocherò tutto il campionato, ma solo qualche partita con la mia squadra del cuore e realizzerò un ultimo sogno: giocare al fianco di mio figlio", ha scritto sul suo profilo Instagram (instagram.com/romariofaria/). L'América de Rio de Janeiro sarà impegnato nel torneo di seconda divisione dello Stato di Rio de Janeiro (Campeonato Carioca Serie A2), che inizierà a maggio per terminare ad agosto. Il vincitore di questa competizione passerà alla prima divisione dello Stato di Rio all'inizio del 2025, dove competono le squadre d'élite di Rio come Flamengo, Fluminense, Vasco de Gama e Botafogo.

Il Mondiale vinto contro l'Italia

Romario è stato un grande attaccante degli anni Novanta. Cresciuto nel Vasco de Gama dove era stato soprannominato "Baixinho" (il "Piccoletto") ha raggiunto fama mondiale in Europa dove ha giocato con il PSV Eindhoven in Olanda e il Barcellona in Spagna. Nella sua lunga carriera ha vestito anche le maglie di Fluminense e Flamengo in Brasile e del Valencia in Spagna. Con la maglia oro della Selecao ha vinto il Mondiale del 1994 negli Usa battendo in finale ai rigori l'Italia, due Copa América (1989 e 1997) e una Confederations Cup (1997). Nel 1994 è stato nominato "Giocatore dell'anno" della FIFA. Nella nazionale brasiliana ha giocato dal 1987 al 2005: 70 presenze e 55 gol. E' stato anche manager del Vasco de Gama nel biennio 2007-08.

di Tiscali Sport - (video Onefootball Publishers.com)   
I più recenti
Udinese, amplificazione strumentale su episodi di ieri
Udinese, amplificazione strumentale su episodi di ieri
Corsi, contro di noi episodi gravi ma è da inizio torneo
Corsi, contro di noi episodi gravi ma è da inizio torneo
La Russa, l'Inter è come le idee, non muore mai
La Russa, l'Inter è come le idee, non muore mai
Calcio: Brasile. Ct convoca Ederson e Bremer per la Coppa America
Calcio: Brasile. Ct convoca Ederson e Bremer per la Coppa America
Le Rubriche

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Pierangelo Sapegno

Giornalista e scrittore, ha iniziato la sua carriera giornalistica nella tv...

Andrea Curreli

Cagliaritano classe '73 e tifoso del Cagliari. Studi classici e laurea in...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Italo Cucci

La Barba al palo, la rubrica video a cura di Italo Cucci, famoso giornalista...