Quasi fatta per Barella all'Inter, ma il pezzo più conteso è Federico Chiesa

Il mercato della Juve continua. Pogba uno degli obiettivi, il francese vuol dare l'addio allo United. Il fiorentino trascina l'Under 21 e ha un accordo di massima con la Juve, ma la viola fa muro. Barella, l'Inter ha perfezionato l'offerta

Federico Chiesa
TiscaliNews

Barrella, Pogba e Neymar potrebbero molto presto cambiare casacca. Tuttavia, l'attenzione dei tifosi italiani è però quasi tutta orientata su Federico Chiesa (ha trascinato la nostra Under 21 nella vittoria contro la Spagna segnando una doppietta): l'attaccante ha un'intesa con la Juve per un contratto di 5 anni, ma la nuova dirigenza della Fiorentina nicchia. Intanto, il calciomercato impazza, piccole e grandi hanno un obiettivo in comune: rinforzarsi. Sarà poi il campionato a dire se nel corso di questa campagna acquisti direttori sportivi e presidenti hanno scommesso su talenti veri o presunti tali. Detto che nel primo pomeriggio di domenica Maurizio Sarri ha “tradito” il Napoli per approdare nel recinto bianconero degli Agnelli (lascia il Chelsea dopo un anno e dopo aver vinto l'Europa League e conquistato il terzo posto in Premier), occorre ora capire quale sarà la reazione delle altre squadre italiane. Da quanto si evince dalle notizie pubblicate dai settimanale specializzati, il presidente della Lazio Lotito sta spianando la strada all’addio a Milinkovic Savic (“alla Lazio teniamo solo chi ha il piacere di restare. Se Milinkovic Savic manifesterà l'intenzione di intraprendere nuove avventure noi non ci opporremo"). Mancano solo le lucrose carte del divorzio.

Il patto di Ferraro con Di Francesco

Il presidente biancoceleste ha più o meno fatto lo stesso discorso a Luis Alberto ("Se resta? Vediamo, se c'è una cosa che nel mondo del calcio non manca sono i giocatori). Il tempo ci dirà come andrà a finire questo doppio braccio di ferro. Si muove la Sampdoria di Ferrero che, per motivare di Francesco ha escogitato quella che è stata battezzata la "clausola plusvalenze": nei fatti, per ogni giocatore valorizzato e riceduto al tecnico dovrebbe andare l’1% della cifra del trasferimento. Ferrero non è nuovo, ha già adottato simili soluzioni con altri allenatori e gli è andata bene con Mustafi, Soriano, Eder, Muriel, Skriniar, Shick e Torreira. Si muove anche il mercato estero. Vidal dovrebbe andare in Cina, l’acquisto di De Jong toglierebbe ulteriore spazio all'ex Juve e Bayern e per questo il cileno starebbe valutando altre opportunità, fra cui quella cinese, appunto. Ndombele, centrocampista del Lione che piace anche alla Juve, potrebbe accettare la corte al Tottenham (“chi non sarebbe interessato a una grande squadra?").

Il ritorno di Pogba alla Juve

Sul piede di partenza anche un altro ex bianconero, Pogba (“penso sia il momento giusto per me per provare un'altra sfida da un'altra parte"), che vorrebbe però deve superare l’opposizione di Gunnar Solskjaer ha tutta l'intenzione di trattenerlo a Manchester United, perché lo considera una pedina fondamentale per costruire la squadra del futuro. L’evolversi della vicenda Pogba è seguita con interessa da Real e Juventus. Paratici la scorsa settimana ha incontrato a Londra i reggenti dei Red Devils: si è parlato di Pogba e si è accennato a Cancelo come parte di una possibile contropartita. Si dice che il PSG pronto ad ascoltare offerte per Neymar. Una frase non proprio sibillina riportata dall'Equipe il club ascolterà offerte anche per i giocatori più importanti del club. Tra questi parrebbe rientrare il brasiliano che, negli ultimi tempi, ha spesso fatto sapere come un suo ritorno in Spagna, al Barcellona, sarebbe di suo gradimento. Ovviamente il PSG non svenderà per due soldini il brasiliano, ma pecunia non olet, se l’offerta fosse congrua: ciao ciao Neymar. Nel mondo del calcio ci sono anche altri passaggi interessanti.

I passi di Inter e Napoli

L’Inter sta ri-sondando il Cagliari per mettere la parola fine al caso Barrella. Il club sardo per la sua bandiera chiede 50 milioni di euro. Giulini è disposto a sentire tutte le offerte. Anche la proposta dei nerazzurri è chiara: 36 milioni più 4 di bonus garantiti, poi altri 10 milioni di bonus in base ai risultati e il prestito secco di Bastoni e quello con diritto di riscatto di Dimarco. L'Inter ha dalla sua parte l'accordo con Barella. Il Napoli lavora su Manolas e Lozano. L'intesa con Manolas c'è, occorre capire come si muoverà la Roma. I giallorossi partono da 36 milioni, ma sono disposti a ragionare anche di possibili contropartite. Il Napoli può offrire Diawara, che De Laurentiis valuta 25 milioni, e Mario Rui. La Roma vuole Mertens o comunque una valutazione più bassa di Diawara. È nel vivo anche la trattativa per portare Lozano nel Golfo: 50 milioni di euro sono stati offerti al PSV, 4,5 al giocatore. Proposta interessante, l’esterno – anche lui uomo di Raiola come Manolas - ha detto sì. Il problema ora legato ai diritti d’immagine: Lozano è uno dei personaggi più popolari in Messico e ha sponsor che gli porteranno 3 milioni a stagione nei prossimi anni. Legali al lavoro per cercare un punto d’incontro. Si farà. Al lavoro anche il Milan, quasi chiuso l’accordo con Giampaolo. Per la difesa il Milan rischia di essere dietro al Napoli per Manolas. Più vicino Lovren, per il centrocampo c'è il nome di un altro croato, Nikola Moro della Dinamo Zagabria.