Tiscali.it
SEGUICI

Dai colpi di mercato del Napoli a quello della Roma: ecco la nuova Serie A

Chiusa la sessione invernale: quali squadre si sono rinforzate almeno sulla carta?

TiscaliNews   
Dai colpi di mercato del Napoli a quello della Roma: ecco la nuova Serie A
Tommaso Baldanzi, nuovo acquisto della Roma

La sessione invernale del calciomercato del 2024 si è chiusa, ora è tempo di bilanci per capire quali siano le squadre che, almeno sulla carta, si sono maggiormente rinforzate. Ecco la situazione, una per una.

Atalanta

Non erano previsti movimenti di rilievo, e così è stato. A Gasperini la Dea andava bene così com'è , l'unica richiesta fatta dal tecnico era Hien, e dal Verona è puntualmente arrivato il difensore della nazionale svedese. In uscita via Zortea, andato al Frosinone.

Bologna

nche in questa sessione si è puntato su giovani di talento, e così si spiegano gli arrivi di Castro, che ora sta giocando il preolimpico sudamericano con l'Argentina, M. Ilic e Karlsson. Davanti serviva un rincalzo per Zirkzee e dall'Az olandese è arrivato il 24enne danese Odgaard. Aveva chiesto di andare via Bonifazi, ed è stato accontentato con la cessione al Frosinone.

Cagliari

Ha lavorato soprattutto in uscita, cedendo Capradossi, Pereira e Goldaniga. Serviva un rinforzo per la difesa, e dalla Fiorentina, dove giocava poco o niente, è arrivato il colombiano Yerry Mina, che in Sardegna proverà a riscattare le sue ultime annate in calando. Il colpo dell'ultima ora è stato Gaetano, prestato dal Napoli, che assicura qualità.

Empoli

Il ritorno dallo Spezia di Zurkowski ha già dato i suoi frutti, leggi gol e assist. Ma per una squadra che deve salvarsi è poco spiegabile la cessione di un talento come Baldanzi, a meno che il nuovo tecnico Davide Nicola non lo abbia ritenuto poco compatibile con il suo 4-3-3. In avanti si è ritenuto di dover fare degli innesti e sono arrivati Cerri e Niang. Solo il campo dirà se la situazione è migliorata.

Fiorentina

Due entrate per la Viola, ma significative. Sono quelle di Faraoni, già integratosi nella manovra di Italiano, e del 'Gallo' Belotti, desideroso di trovare quello spazio che alla Roma non aveva per giocarsi la chance di andare agli Europei. Pierozzi, che aveva bisogno di giocare per fare esperienza, è stato prestato alla Salernitana mentre per Brekalo era scontato il rientro in Croazia e così è stato.

Frosinone

Come sempre, il ds dei ciociari Guido Angelozzi si è segnalato per il suo grande attivismo. Ecco allora la solita 'girandola' di entrate e uscite che ha consegnato ad Eusebio Di Francesco ben cinque giocatori in teoria già pronti, ovvero Bonifazi, Valeri, Zortea, Demba Seck e quel Ghedjemis, 21enne franco-algerino che già messo insieme, a gennaio, tre presenze.

Genoa

I 25 milioni avuti dal Tottenham per Dragusin sono stati il vero colpo del Genoa che poi, pur cedendo (tutti in prestito) Jegiello allo Spezia, Puscas al Bari e Kutlu al Galatasaray, ha lavorato in entrata prendendo i vari Vitinha, Stolz, Cittadini e Bohinen. E' invece sfumato il ritorno in rossoblù di Pellegri, mentre le offerte della Fiorentina per Gudmundsson non sono mai state prese in considerazione.

Inter

Si è mossa subito, prendendo Buchanan, mentre Franco Carboni è rientrato dal Mozna per poi essere girato alla Ternana. Agoume, che non aveva spazio, è andato in prestito al Siviglia, idem Sensi al Leicester di Maresca.

Juventus

Quello di Djalò, preso a titolo definitivo dal Lilla, potrebbe essere un bel colpo, se il difensore ritroverà la piena integrità fisica, mentre non si capisce bene come sia possibile che il diritto di riscatto di Alcaraz (ora arrivato dal Southampton in prestito oneroso a 3,7 milioni) sia stato fissato a 49 milioni visto che fino a ieri la valutazione di mercato dell'argentino si aggirava sui 15 milioni.

Lazio

Come da tradizione, il mercato invernale della Lazio è stato inesistente, c'è stata solo la cessione di Basic alla Salernitana.

Lecce

La cessione di Strefezza all'ambizioso Como per i tifosi è stata dura da digerire, mentre Faticanti, arrivato la scorsa estate dalla Roma con l'etichetta di 'nuovo De Rossi' non ha mai giocato ed è stato girato alla Ternana. Presi due difensori, Enes Yilmaz e Pierotti.

Milan

Il ritorno di Gabbia dalla Spagna e l'acquisto di Terracciano dal supermarket Hellas Verona sono stati i movimenti in entrata, mentre in uscita Romero è andato all'Almeria, Maldini jr (rientrato da Empoli) al Monza e Krunic, come chiedeva da tempo, al Fenerbahce. Bocciato, almeno per ora, il nazionale argentino Pellegrino, passato in prestito alla Salernitana.

Monza

Djuric, Daniel Maldini e Zerbin sulla carta sono tre buoni colpi per questa squadra il cui vero segreto è il tecnico Palladino. Via Maric, passato al Rijeka.

Napoli

Il presidente De Laurentiis, consapevole degli errori commessi in estate, aveva promesso rinforzi ed è stato di parola, anche se ha mancato i due obiettivi primari, ovvero Dragusin e Samardzic. Così sono arrivati i vari Ngonge, Mazzocchi, Traoré e Dendoncker, nessuno dei quali fa la differenza. La vera rifondazione della squadra avverrà la prossima estate.

Roma

L'arrivo di Baldanzi, a 10 milioni più 5 di bonus all'Empoli, è stata una sorpresa per una squadra alle prese con il fair play finanziario dell'Uefa. Huijsen è il rinforzo per la difesa e sembra che piaccia già molto a De Rossi. In uscita via Kumbulla, che cercherà di ritrovarsi al Sassuolo, e Belotti.
L'addio a Vina ha fruttato 8 milioni dal Flamengo.

Salernitana

Un tourbillon, come aveva garantito il rientrante ds Sabbatini. Tanti nomi più o meno conosciuti, via i vari Lovato, Jovane Cabral, Botheim e Danilouc (sicuri che non servisse?), ora tocca a Pippo Inzaghi far inserire i nuovi, e lo ha già fatto con Zanoli e Basic. A Salerno può ritrovarsi, e ritrovare un posto nell'Albiceleste, il difensore Pellegrino.

Sassuolo

Dionisi aveva chiesto di non fare sconvolgimenti, e così è stato, il tecnico ha perso un solo titolare, ovvero Vina. Via anche Alvarez, finito in B alla Samp. Dentro Kumbulla e Doig, quest'ultimo su richiesta del tecnico.

Torino

Gli arrivi di Lovato, Okerek e Masina sono serviti a calmare una piazza che già 'rumoreggiava' nei confronti del presidente Cairo. Le cessioni di Demba Seck e Soppy erao scontato. Al resto penserà Juric.

Udinese

Samardzic è rimasto (partirà in estate), è arrivato dal Velez l'argentino Giannetti, e l'unico vero altro movimento è stata la cessione in prestito del talento incompreso Pafundi al Losanna.

Verona

Un vero e proprio supermercato con cessioni a iosa, al punto che è impossibile elencarle tutte: la squadra di baroni è stata smembrata. Giustificata la rabbia dei tifosi nei confronti del presidente Setti, a meno che i (non molti) nuovi arrivati, come Vinagre, Noslin e Dani Silva non trascinino i gialloblù a risultati insperati. Ma salvarsi in queste condizioni appare impresa molto complicata.

TiscaliNews   
I più recenti
Le Rubriche

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Pierangelo Sapegno

Giornalista e scrittore, ha iniziato la sua carriera giornalistica nella tv...

Andrea Curreli

Cagliaritano classe '73 e tifoso del Cagliari. Studi classici e laurea in...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Italo Cucci

La Barba al palo, la rubrica video a cura di Italo Cucci, famoso giornalista...