Champions: tonfo Juve, Rudi Garcia fa l'impresa. Il Lione punisce i bianconeri

Il Manchester City di Guardiola sbanca Madrid e vede i quarti (Disattivare l'Adblock per vedere il video)

TiscaliNews

La Juventus stecca la gara di andata al Parc Olympique con il Lione dell’ex tecnico della Roma, Rudi Garcia, nell’andata degli ottavi di finale di Champions. La squadra di Sarri esce sconfitta 1-0 grazie ad un gol di Tousart al 31’ del primo tempo e dovrà ora ribaltare il risultato a Torino. Garcia in avvio schiera un 3-5-2 con Toko Ekambi e Dembelè in attacco. Sugli esterni Dubois e Cornet con Guimares, Tousart e Aouar a centrocampo. In difesa Denayer, Marcelo e Marcal. Sarri risponde con 4-3-3 con Cuadrado, Dybala e Ronaldo davanti. In mezzo al campo Rabiot, Bentancur e Pjanic. Danilo e Alex Sandro esterni bassi con de Ligt e Bonucci al centro della difesa.

Il Lione parte bene e al 21' colpisce la traversa con Ekambi dopo un calcio d'angolo. La Juve risponde poco dopo con un bel cross di Ronaldo, Lopes smanaccia ma i bianconeri non ne approfittano. Al 27' ci prova Alex Sandro da fuori area senza fortuna. Passano pochi minuti e al 31’ bella giocata di Aouar, cross dal fondo e Tousart col ginocchio insacca il gol dell’1-0. La squadra di Sarri prova subito a rispondere con un destro a giro di Ronaldo appena dentro l'area ma il pallone termina fuori. Sul finire del primo tempo ancora francesi pericolosi con Ekambi che in in area calcia alto.

Nella ripresa Juve più convinta. Al 65’ bello spunto di Dybala, palla a Ramsey che però viene chiuso al limite. Al 69’ ancora Juventus pericolosa: cross di Alex Sandro e Dybala di prima intenzione col sinistro al volo calcia di poco fuori. Sarri inserisce Higuain per Cuadrado e la spinta aumenta. Danilo ci prova col sinistro dal limite ma palla sul fondo. Poi in successione Dybala e Higuain non trovano la porta. All’84' la Juve chiede il rigore: cross di Ramsey per Ronaldo che cade in area, spinto da Denayer ma l’arbitro fa proseguire. Un minuto dopo Dybala attacca a destra, palla dentro e Higuain con il destro calcia out. Nel forcing finale i bianconeri chiedono ancora un penalty per un fallo in area su Dybala ma non per il direttore di gara. All’87' Dybala segna su assist di Bentancur ma in posizione di fuorigioco. Nel recupero Ronaldo prova di testa senza fortuna, poi c’è anche un invasore di campo a interrompere gli ultimi assalti bianconeri che non portano al tanto agognato gol. Tutto rimandato alla gara di ritorno all’Allianz Stadium.

"Abbiamo sbagliato il primo tempo dove eravamo secondi su tutto. In certe partite il minimo errore lo paghi. Nel secondo loro non hanno mai tirato in porta perchè si è vista la vera Juve. Ci hanno colpito quando eravamo in dieci ed è stato un momento dove loro sono stati bravi a farci male". Intervistato da Sky Sport a fine partita, Leonardo Bonucci vede così Lione-Juventus. "Ora mettiamo la testa sulla gara di domenica e poi al ritorno dobbiamo assolutamente passare", aggiunge il difensore. Ma quello della Juve è stato un problema di atteggiamento? "Sì. Eravamo lunghi, distanti con i reparti e poco aggressivi - risponde Bonucci -. L'aggressività te la dà la testa. Ci dobbiamo svegliare".

Guardiola sbanca Madrid e vede i quarti

Il Manchester City di Josep Guardiola fa sul serio e ipoteca i quarti di finale, andando a vincere sul terreno del Santiago Bernabeu per 2-1, dopo essersi trovato sotto 1-0. Per l'ex allenatore del Barcellona si tratta di un vero e proprio trionfo nello stadio della capitale spagnola che, per un catalano doc come lui, ha un sapore particolare. Altre volte il 'Pep' aveva trionfato contro la 'Casa Real', ma il successo di stasera ha un sapore e un peso particolari, perché può rappresentare un punto di svolta, non solo nella storia della Champions di quest'anno, ma anche in quella dei 'citizens', che per la prima volta hanno battuto il Real (2 vittorie 'merengues' e due pari nei precedenti). Per il Real Madrid di Zinedine Zidane è colpo durissimo, un risultato che costringerà la 'sua' squadra a dover rincorrere.

Eppure Isco aveva fatto sognare il popolo dei 'blancos', sbloccando il risultato al 16' della ripresa su assist di Vinicius, mandato in campo al fianco di Benzema e dello stesso fantasista autore della rete del momentaneo 1-0. Il sogno del Madrid è durato poco, perché Gabriel Jesus al 33' ha firmato il pareggio su assist di Kevin De Bruyne, quindi lo stesso asso belga ha realizzato il 2-1 su rigore, battendo il compagno di Nazionale, Thibaut Courtois. Fra i padroni di casa ha pesato l'assenza di Eden Hazard e forse anche quella di Kroos a centrocampo: il tedesco è rimasto in panchina.