La sfida tra Liverpool e Atletico Madrid, focolaio di coronavirus: è "costata" 41 morti

La gara di Champions è finita sotto accusa dopo uno studio di Edge Health, un organismo che analizza i dati per il servizio sanitario nazionale britannico, pubblicato dal Times

Liverpool FC Stadium
Liverpool FC Stadium
TiscaliNews

La decisione di far disputare la partita di Champions League tra Liverpool e Atletico Madrid, l'11 marzo scorso, potrebbe aver "portato a 41 morti in più" a causa del coronavirus. E' quanto emerso da uno studio di Edge Health, un organismo che analizza i dati per il servizio sanitario nazionale britannico, pubblicato dal Times. La decisione di far disputare la partita di Champions League tra Liverpool e Atletico Madrid, l'11 marzo scorso, potrebbe aver "portato a 41 morti in più" a causa del coronavirus. E' quanto emerso da uno studio di Edge Health, un organismo che analizza i dati per il servizio sanitario nazionale britannico, pubblicato dal Times.

Una "bomba" virologica” 

La partita di ritorno degli ottavi di Champions, costata l'eliminazione ai Reds campioni d'Europa, secondo il  Sunday Times  sarebbe stata una "bomba" virologica”.  Al match, l'ultimo giocato in Inghilterra prima del blocco a causa della pandemia, hanno assistito 52.000 spettatori ad Anfield Road, tremila dei quali provenienti dalla Spagna. 

E'  "costata" 41 morti

Liverpool-Atletico era già finita nel mirino insieme ad Atalanta-Valencia come possibile occasione di grande diffusione del coronavirus, anche perché si stima che in quel momento ci fossero già 640 mila positivi in Spagna e 100 mila in Gran Bretagna. Per questo motivo l’Edge Health stima che all'incontro siano "collegati 41 morti supplementari" negli ospedali vicini tra i 25 e 35 giorni dopo.

Le rivelazioni del sindaco di Madrid

"Se le persone hanno contratto il coronavirus come risultato diretto di un evento sportivo che crediamo non avrebbe dovuto aver luogo, beh, è scandaloso", ha detto alla Bbc Steve Rotheram, sindaco dell'area metropolitana di Liverpool. "Bisogna approfondire per scoprire se alcune di queste infezioni sono dovute direttamente ai fan dell'Atletico. C'erano città spagnole già investite dal coronavirus e Madrid era una di quelle". 

Il precedente

Prima ancora di Liverpool-Atletico Madrid era finita sul banco degli imputati la partita Atalanta-Valencia, giocata a San Siro il 19 febbraio scorso alla presenza di circa 50 mila spettatori. La gara degli orobici contro gli spagnoli è stata considerata come uno dei possibili detonatori del contagio in Lombardia, la regione d'Italia più colpita dal coronavirus.

Non solo calcio  

Altre 37 morti 'evitabili' secondo lo studio sarebbero state causate dai contagi al Festival ippico di Cheltenham, disputato tra il 10 e il 13 marzo scorso davanti a 250mila spettatori.  Inoltre il Sunday Times si fa riferimento anche a un altro evento sportivi che in quei giorni hanno visto nel Regno Unito la partecipazione di nutrite schiere di spettatori: la  gara Scozia-Francia del Sei Nazioni di rugby a Edimburgo con 67 mila spettatori