Tiscali.it
SEGUICI

Mondiali di "Italia ‘90", Serena: "Prima del rigore contro l’Argentina fui preso dal panico e sbagliai"

L’ex attaccante azzurro: "Io non dovevo batterli, Vicini me lo chiese perché alcuni compagni non se la sentivano. Credevo che la palla fosse entrata poi il buio. Non ricordo nulla dei 3 giorni successivi"

di Tiscali Sport   
Loading...
Codice da incorporare:

Aldo Serena mette la palla sul dischetto poi tira il calcio di rigore e Goycoechea lo para. E' il secondo penalty fallito dagli azzurri e l'Italia vede sfumare l'accesso alla finale dei Mondiali dove andrà l'Argentina di Maradona. La delusione è tanta anche perché è "Italia '90" ovvero il Mondiale di casa, quello delle Notti magiche cantate da Edoardo Bennato e Gianna Nannini in Un'estate italiana e dei gol Totò Schillaci. Sono passati 33 anni e Serena ancora non riesce a darsi pace per quell'errore, che mandò in frantumi i sogni azzurri dei ragazzi del Ct Azeglio Vicini. "Il rigore fallito nella semifinale di Italia '90 contro l'Argentina è l'episodio più doloroso della mia carriera", ha raccontato l'ex attaccante che ha vestito le maglie di Inter, Milan, Torino e Juventus.

"Venni preso da un attacco di panico"

"Alla fine dei supplementari ero sdraiato a terra tranquillo in quanto non facevo parte della cinquina scelta per battere i penalty, in quanto era entrato a partita in corso (al posto di Vialli, ndr) - ha ricordato Serena -. Mi si avvicinò il Ct Vicini chiedendomi se me la sentivo, in quanto un paio di miei compagni non erano in grado di farlo. Io, che ero tra i più esperti del gruppo, non me la sono sentita di dire 'no' al mister ma una volta tornato in piedi sentii le gambe dure e venni preso da un attacco di panico, anche quando mi stavo avvicinando al dischetto".

"Non ricordo nulla dei tre giorni successivi"

"Cercai la concentrazione massima ricordando i tanti gol della mia carriera e gli episodi più belli - ha proseguito Serena -. Dopo aver calciato il rigore ebbi l'impressione che il pallone fosse entrato in rete e invece venne respinto. Da quel momento calò il buio e non ricordo assolutamente cosa successe nei 2-3 giorni successivi, prima della finale per il terzo posto a Bari (Italia-Inghilterra 2-1, ndr)". Dopo la sconfitta con l'Argentina, Azeglio Vicini (scomparso il 30 gennaio 2018) disse: "Siamo arrivati ai rigori con Schillaci che aveva uno stiramento all’inguine e con Ferri pieno di crampi. Abbiamo cominciato a batterli anche bene… Poi ne abbiamo sbagliali due. Gli argentini li hanno calciati molto meglio". Schillaci e Ferri non li tirarono, mentre andarono in gol Baresi, Baggio e De Agostini prima degli errori decisivi di Donadoni e Serena.

di Tiscali Sport   
I più recenti
Fiorentina: Milenkovic è più vicino al Nottingham Forest
Fiorentina: Milenkovic è più vicino al Nottingham Forest
Gravina,era indispensabile approvare regolamento elettorale Figc
Gravina,era indispensabile approvare regolamento elettorale Figc
Gravina 'su mia candidatura Figc deciderò più avanti'
Gravina 'su mia candidatura Figc deciderò più avanti'
Lotito 'Lazio buona squadra, speso più della Juve'
Lotito 'Lazio buona squadra, speso più della Juve'
Le Rubriche

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Pierangelo Sapegno

Giornalista e scrittore, ha iniziato la sua carriera giornalistica nella tv...

Andrea Curreli

Cagliaritano classe '73 e tifoso del Cagliari. Studi classici e laurea in...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Italo Cucci

La Barba al palo, la rubrica video a cura di Italo Cucci, famoso giornalista...