[Il personaggio] Fischi a SuperMario Balotelli, la scommessa che Mancini per ora ha perduto

L'attaccante è stato sostituito dopo una prestazione impalpabile con la Polonia. Ma il Ct difende il suo pupillo: "Non era al massimo della condizione"

TiscaliNews

La sotituzione dopo un'ora di gioco senza sussulti e la pioggia di fischi del pubblico. L'Italia è sotto per 1-0 contro la Polonia nella prima gara della Uefa Nations League e Mario Balotelli abbandona il campo per lasciare il posto a Belotti. I tifosi non nascondono il loro disappunto per la prestazione di SuperMario e fischiano. L'Italia di Mancini non brilla e "Balo" non si discosta dalla mediocrità del gioco azzurro. "Perché sempre io?", avrà pensato l'attaccante ricordando forse quel suo "Why always me" esibito polemicamente nella maglietta celeste ai tempi del Manchester City.

SuperMario ha tradito le aspettative

Ma tutti sanno, compresi il giocatore e il suo Ct, che Balotelli è un "osservato speciale". Roberto Mancini ha scommesso sul ritorno dell'attaccante in Nazionale dopo che era stato bocciato da Antonio Conte e ignorato da Gian Piero Ventura. Un ritorno atteso con curiosità e tante aspettative, che SuperMario ha tradito.

Mancini: "Non era al massimo della condizione"

E la brutta prestazione dell'attaccante del Nizza ha costretto Mancini a cambiare l'attacco in corsa per ottenere il pareggio. Ma il "Mancio" ha poi assolto il suo pupillo: "Non era al massimo della condizione, sapevamo che aveva al massimo 50 minuti. Ma è un giocatore che ha uno spessore internazionale, deve continuare a giocare e trovare la condizione".

Il braccio di ferro estivo perso con il Nizza

Ma perché SuperMario era in condizioni precarie? Il bomber azzurro è reduce da un'estate trascorsa con pochi allenamenti e un braccio di ferro continuo (e poi perduto) con il Nizza. "Balo" ha vissuto da separato in casa e si è allenato da solo perché anche la società francese lo considerava ormai fuori dal progetto. Le parole del tecnico dei rossoneri nizzardi Patrick Vieira erano state esplicite: "Vuole andare via e proveremo a venderlo". Falliti i vari tentativi di cessione (il Napoli lo ha rifiutato per due volte), Balotelli è rimasto in Costa Azzurra.