Tiscali.it
SEGUICI

Dal Tigre alla Nazionale: la favola di Retegui, l’uomo della speranza per Mancini

L’italo-argentino ha esordito in azzurro e segnato il gol contro l’Inghilterra. Le sue origini siciliane

TiscaliNews   

E' cresciuto nelle giovanili del Boca Juniors e ha esordito nella nazionale azzurra segnando il primo gol a Napoli, unendo di nuovo le due terre di Maradona, nonostante non sia bastato a rimontare l'Inghilterra. C'è il segno di Diego nel destino di Mateo Retegui, l'attaccante che Roberto Mancini ha pescato nel campionato argentino, prendendolo dal Tigre e dandogli, grazie alla sua cittadinanza italiana, la chance di scegliere la nazionale azzurra.

Mateo accetta la sfida

Lui, Mateo Retegui, ha accettato la nuova sfida trovandosi per la prima volta a giocoare in Europa dopo gli anni con i club in patria, dal Boca all'Estudiantes e ora al Tigre. E' nato a San Fernando ma la sua famiglia, in particolare suo nonno, era nato a Canicattì, in provincia di Siracusa e poi emigrato in Argentina

Le prime parole da “italiano” 

"Sono triste per la sconfitta, ma molto contento per aver esordito con la maglia di questo Paese", le sue prime parole azzurre, nel post partita, ovviamente in argentino. "Per la mia famiglia e per me è un orgoglio rappresentare questi colori. Mi sarebbe piaciuto che fosse un esordio con una vittoria, ma dobbiamo lavorare per correggere gli errori e vincere la prossima". Giunto in Italia, Mateo Retegui ha avuto un lungo dialogo con Mancini, è stato pochi giorni in ritiro con la nazionale e subito una maglia da titolare. Il ct azzurro ha creduto in lui dopo averlo visto nel campionato argentino ma anche dopo aver visto la sua determinazione in campo a Coverciano. Lo ha paragonato a Batistuta quando arrivò in Italia, Mancini, che gli ha dato la maglia da titolare, scommettendo su di lui nell'esordio della nuova Italia nelle qualificazioni agli Europei 2024. 

Il gol che dà fiducia 

Retegui in campo ha impiegato il primo tempo per capire bene ritmi e geometrie, poi nella ripresa ha affinato velocemente l’intesa con i compagni, si è fatto trovare nel posto giusto in due occasioni, sprecando, ma alla terza non ha sbagliato: prima un tiro alto, poi subito dopo palla rubata dall'Italia e assist di Pellegrini per l'argentino che non ha sbagliato, esultando e prendendosi l'abbraccio dello stadio Maradona, che con l'Argentina ha sempre un forte feeling. Sei gol col Tigre in Argentina in queste prime 9 giornate di campionato e subito rete con la maglia azzurra, per Retegui si e la nazionale si apre una nuova strada. 

TiscaliNews   
I più recenti
Euro2024: Omaggio a Beckenbauer in cerimonia d'apertura
Euro2024: Omaggio a Beckenbauer in cerimonia d'apertura
Euro2024: Olanda. Ufficiale il forfait di Koopmeiners
Euro2024: Olanda. Ufficiale il forfait di Koopmeiners
Euro2024: Polonia. A rischio Lewandowski e Swiderski
Euro2024: Polonia. A rischio Lewandowski e Swiderski
Euro2024: Olanda. Forfait di De Jong, problemi per Koopmeiners
Euro2024: Olanda. Forfait di De Jong, problemi per Koopmeiners
Le Rubriche

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Pierangelo Sapegno

Giornalista e scrittore, ha iniziato la sua carriera giornalistica nella tv...

Andrea Curreli

Cagliaritano classe '73 e tifoso del Cagliari. Studi classici e laurea in...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Italo Cucci

La Barba al palo, la rubrica video a cura di Italo Cucci, famoso giornalista...