Respinti i ricorsi: il tribunale antidoping conferma la squalifica per l'attaccante Joao Pedro

Il brasiliano salterà le partite con Empoli, Sassuolo e Atalanta e tornerà a disposizione del Cagliari da metà settembre. La Procura aveva chiesto 4 anni

Respinti i ricorsi: il tribunale antidoping conferma la squalifica per l'attaccante Joao Pedro
TiscaliNews

Confermata la squalifica di Joao Pedro. La Seconda Sezione del Tribunale nazionale antidoping ha respinto i ricorsi presentati sia dalla Procura che dal calciatore brasiliano del Cagliari.

Salterà le partite con Empoli, Sassuolo e Atalanta

Sono quindi confermati i sei mesi di squalifica (4 di stop più 2 di sospensione cautelare) a carico del brasiliano, che per effetto di questa decisione tornerà a disposizione della squadra sarda il prossimo 16 settembre. In sintesi Joao Pedro salterà le partite con Empoli, Sassuolo e Atalanta. Sarà a disposizione di Maran alla quarta giornata di campionato per la sfida con il Milan.

I test positivi contro Sassuolo e Chievo

Joao Pedro era risultato positivo all'idroclorotiazide (un diuretico) ai test effettuati da Nado Italia subito dopo la partita con il Sassuolo dell'11 febbraio scorso, e Chievo-Cagliari del 17 febbraio, sempre per la stessa sostanza. Il giocatore ha sempre sostenuto di "non aver fatto niente", mentre la Procura aveva presentato una richiesta di quattro anni di squalifica. "Questa sentenza per me è come una rinascita, perché dopo la richiesta della Procura era una questione umana ancora prima che professionale o di carriera - aveva detto il brasiliano dopo la sentenza a maggio -. Hanno creduto che non c'è stata malafede da parte mia, per me già questa è una vittoria".