Tiscali.it
SEGUICI

Il Cagliari scappa due volte su rigore, la Juve pareggia con un autogol. La Lazio passa contro il Genoa

Gli uomini di Ranieri partono fortissimo, bianconeri in bambola. Poi Vlahovic e un errore dei rossoblu. Luis Alberto dà la vittoria a Tudor

di Tiscali Sport   
Il gol di Vlahovic che ha cominciato a rianimare una Juve nei guai (Ansa)
Il gol di Vlahovic che ha cominciato a rianimare una Juve nei guai (Ansa)

La Juventus rischia a Cagliari, ma alla fine pareggia dopo essere stata sotto di due gol: squadra di Allegri salvata da una punizione di Vlahovic e soprattutto da un autogol di Dossena. Alla fine pari amaro soprattutto per il Cagliari: aveva chiuso il primo tempo in vantaggio due a zero con i rigori di Gaetano e Mina. E i rossoblu avevano accarezzato l'idea di poter quasi chiudere il discorso salvezza in anticipo con una bella e prestigiosa vittoria con una big. Un punto che comunque muove la classifica del Cagliari. E che invece è un brodino per la Juventus: non perde partita e faccia, ma forse i tifosi a Cagliari si aspettavano un altro atteggiamento. Nel primo tempo Allegri è cascato un po' nella trappola di Ranieri.

Cagliari primo tempo turbo, Juve in disarmo

Il Cagliari ha lasciato che fosse la Juve a fare il primo passo ripartendo con gli scatenati Luvumbo e Shomurodov. E sono arrivati i gol rossoblu. Nella ripresa orgoglio bianconero che alla fine ha buttato dentro tutti suoi attaccanti. E alla fine ha raddrizzato la partita con un autogol. Allegri ha puntato su Alcaraz dal primo minuto accanto a Locatelli e Rabiot. Sulle fasce Weah e Cambiaso, Chiesa vicino a Vlahovic davanti. La risposta di Ranieri è stata quasi a specchio con Nandez e Augello sulle corsie esterne. In mediana Makoumbou e Sulemana con Luvumbo e Gaetano disponibili a dare una mano partendo da lontano. E anche pronti ad aiutare Shomurodov. Cagliari concentrato e aggressivo: insidioso più che pericoloso con Shomurodov e Luvumbo. Juventus abbastanza imprecisa con palloni persi a favore delle ripartenze rossoblu sempre con la scatenata coppia uzbeko-angolana.

Uno due micidiale

Bianconeri comunque pronti a far male: il primo tiro in porta con Weah al 20'. Alla fine l'intraprendenza del Cagliari trova il premio con un rigore per un tocco di mano di Bremer su colpo di testa di Dossena. Dal dischetto Gaetano non sbaglia. Luvumbo sbaglia il raddoppio su assist di Shomurodov. Ma poco dopo azzecca tempo e giocata sempre su imbucata illuminata ancora di Shomurodov. Salta anche Szczesny, ma il portiere bianconero travolge l'angolano, ancora rigore. Questa volta dal dischetto si presenta Mina, specialista dai tempi dell'Everton: stesso angolo di prima, ancora gol. Primo vero sussulto soltanto nel finale Juve: fuga di Chiesa a sinistra e palla facile per Vlahovic in mezzo. Gol, ma era fuorigioco. Anche il Var conferma mostrando però che si è trattato proprio di una questione di centimetri. Allegri nella ripresa ha provato ad "allargare" il campo con Yidliz al posto di Alcaraz, infastidito anche da una ferita al viso. Ma è stato Prati il primo a tirare in porta.

Vlahovic, sempre lui. Poi l'autogol

Partita in mano alla Juventus con il Cagliari che si abbassa però troppo e non riparte con la precisione e la velocità del primo tempo non è un caso che la Juventus riapra la partita. Da una punizione molto contestata al limite dell'area parte la rinascita bianconera: punizione di Vlahovic e palla sull'angolo non coperto da barriera e portiere. Cagliari città fortunata per Vlahovic: in Sardegna ai tempi della Fiorentina aveva trovato i primi gol in serie A. Poco da perdere per Allegri che è diventato super offensivo con Milik accanto a Vlahovic. Alla fine è diventata quasi una partita a una porta sola anche se la Juventus non è stata molto lucida. Proprio da un cross di uno dei nuovi entrati, Yildiz, è arrivato il gol del due a due. Dossena, nel disperato tentativo di anticipare Vlahovic, ha colpito malissimo beffando Scuffet. Nel finale Allegri ha chiesto ai suoi di vincerla la partita. Ma sono arrivate solo mischie su mischie. Due a due. Juventus sempre tranquillo in zona Champions. Cagliari un passo avanti: dal trittico Atalanta-Inter-Juve ne è uscita con cinque punti che profumano di salvezza.

Lazio: il colpo decisivo di Luis Alberto

La Lazio stende 1-0 il Genoa nel match del Ferraris, valevole per la trentatreesima giornata del campionato di Serie A 2023/2024: decide un gol di Luis Alberto. Pronti via e De Winter commette subito un errore regalando palla a Castellanos, che sbaglia il controllo e non riesce a calciare. La reazione dei rossoblù è immediata con Ekuban che, anziché servire Retegui in buona posizione, va alla conclusione colpendo l'esterno della rete. Dopo un avvio di partita frizzante, i ritmi si abbassano notevolmente e le due squadre fanno fatica a costruire occasioni da gol. I biancocelesti provano ad affidarsi a Felipe Anderson, che al 27' salta Vogliacco e va al tiro, ma non centra lo specchio della porta.

Aria di Champions

Al 36' Igor Tudor perde Lazzari per infortunio ed è costretto alla sostituzione: al posto dell'ex Spal entra in campo Hysaj. Buon finale di primo tempo da parte degli uomini di Gilardino, che si rendono pericolosi con De Winter e Vasquez, ma i loro tiri mancano di precisione. A pochi secondi dall'intervallo la compagine ligure sfiora il vantaggio, ma Ekuban pecca di egoismo e spreca una grande occasione. All'intervallo il parziale è di 0-0. Nella ripresa la Lazio entra in campo con un piglio diverso, andando molto vicina al gol del vantaggio al 61' con Felipe Anderson, sulla cui conclusione è decisivo l'intervento di Martin. I tempi sono maturi per il vantaggio dei biancocelesti, che arriva al 67': grande verticalizzazione di Felipe Anderson per Kamada, che confeziona l'assist per Luis Alberto, bravo a depositare la sfera in fondo al sacco. Il Genoa prova ad affidarsi a delle sostituzioni per riacciuffare la gara, ma gli ingressi in campo di Badelj ed Akenye non riescono ad incidere. Nel finale i rossoblù tentano di andare a caccia del pareggio, ma i capitolini respingono ogni offensiva. La Lazio, dunque, si impone 1-0 e porta a casa la sua seconda vittoria consecutiva

di Tiscali Sport   
I più recenti
Torino: accordo col Venezia per Vanoli nuovo allenatore
Torino: accordo col Venezia per Vanoli nuovo allenatore
Fiorentina su Vranckx, serve l'intesa con il Wolfsburg
Fiorentina su Vranckx, serve l'intesa con il Wolfsburg
Cagliari: il 21enne Kingstone rinnova sino al 2027
Cagliari: il 21enne Kingstone rinnova sino al 2027
Calcio: infortunio Vlasic, l'Europeo è già finito
Calcio: infortunio Vlasic, l'Europeo è già finito
Le Rubriche

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Pierangelo Sapegno

Giornalista e scrittore, ha iniziato la sua carriera giornalistica nella tv...

Andrea Curreli

Cagliaritano classe '73 e tifoso del Cagliari. Studi classici e laurea in...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Italo Cucci

La Barba al palo, la rubrica video a cura di Italo Cucci, famoso giornalista...