Panatta: "Sau sorcio nero". Rabbia Cagliari: "Campione solo quando giocava"

L'ex campione di tennis insulta l'attaccante commentando il pareggio della Roma. Il club rossoblù replica con durezza: "Un'offesa al nostro bomber e a tutti i Sardi

Codice da incorporare:
di Redazione Tiscali Sport

La Roma ha gettato via una partita praticamente vinta a Cagliari. I rossoblù sono stati in grado di recuperare due reti di svantaggio nonostante l'arbitraggio più che discutibile di Mazzoleni che ha espulso prima Srna e poi Ceppitelli (oltre a Maran e al suo vice-allenatore). Ma il gol del 2-2 siglato da Marco Sau allo scadere della partita ha fatto esplodere di gioia i tifosi del Cagliari e mandato su tutte le furie quelli romanisti, sempre più stanchi dei risultati della loro squadra in campionato e del tecnico Di Francesco.

"E' arrivato 'sto sorcio nero e ha segnato"

Tra i tifosi della Roma delusi e arrabbiati c'è anche Adriano Panatta. "Questi giocavano in nove... È passata la palla in mezzo a cinque difensori, è arrivato 'sto sorcio nero e ha segnato", ha detto l'ex campione di tennis durante la trasmissione Quelli che il calcio... commentando l'azione dell'attaccante sardo che al '50, ultimo minuto di recupero, ha segnato il definitivo pareggio.

"Panatta campione solo quando giocava"

Ma quel "sorcio nero" non è piaciuto al Cagliari che ha preso posizione contro Panataa. Il club rossoblù ha replicato con un tweet sul profilo ufficiale social: "Insultare Marco #Sau è un'offesa al nostro bomber e a tutti i Sardi. Panatta campione solo quando giocava". Il Cagliari Calcio aveva già protestato chiamando la redazione della trasmissione televisiva della Rai.

Le scuse dell'ex campione di tennis

Vista la malaparata e costretto a dare una spiegazione per una frase di cattivo gusto, Adriano Panatta si è scusato. L'ex campione ha corretto il tiro spiegando che intendeva dire che Sau si era infilato nella difesa giallorossa come un topolino.