Nervi tesi nella Roma: rissa negli spogliatoi tra Dzeko ed El Shaarawy

Lo scontro tra i due attaccanti giallorossi sarebbe avvenuto a Ferrara tra il primo e secondo tempo contro la Spal. Potrebbero lasciare la squadra a fine stagione

Nervi tesi nella Roma: rissa negli spogliatoi tra Dzeko ed El Shaarawy
di Redazione Tiscali Sport

Ranieri tiene El Shaarawy in panchina e manda in campo Zaniolo. Ma quello che sembrava un normalissimo cambio di giocatore e di schieramento (dal 4-4-2 al 4-3-3) per ribaltare l'1-0 della Spal e cercare di vincere la sfida di Ferrara sarebbe in realtà la conseguenza di un violento litigio esploso negli spogliatoi della Roma. Secondo quanto riporta il Corriere dello Sport, nell'intervallo della gara contro gli estensi ci sarebbe stato un duro scontro tra Edin Dzeko e Stephan El Shaarawy. "I due attaccanti sono arrivati alle mani, sia pure senza colpi particolarmente violenti", scrive il quotidiano sportivo romano.

Tutta colpa di un "passaggio mancato"         

Ma che cosa è successo? Al termine di un primo tempo particolarmente difficile per la Roma, Dzeko era particolarmente nervoso. Alla fine dei primi 45 minuti l'attaccante bosniaco era stato insultato dal pubblico estense e aveva avuto un vivace scambio di battute con la panchina della Spal. Ed era stato ammonito dall'arbitro Rocchi di Firenze. Negli spogliatoi Dzeko avrebbe affrontato El Shaarawy per contestare "un passaggio mancato". El Shaarawy avrebbe risposto e sarebbe esplosa la rissa verbale. "Sono dovuti intervenire in molti per evitare che la banale discussione diventasse un incontro di boxe", riporta il CorSport.

Ranieri: "Potrebbero cambiare aria in parecchi"

E Ranieri? Il tecnico, tornato in giallorosso per una scelta d'amore, ha deciso di lasciare fuori l'egiziano e confermare in attacco Dzeko. Una scelta che non ha portato grossi risultati dato che alla fine la Roma ha perso la sfida per 2-1. A fine gara però dalle dichiarazioni di Ranieri erano emersi i malumori interi a uno spogliatoio provato dall'esonero di Di Francesco e dall'addio polemico di Monchi ("Il presidente pensava che fosse meglio andare a destra mentre io ero convinto che fosse meglio andare a sinistra"). Ranieri non aveva fatto nomi ma era stato piuttosto chiaro: "Abbiamo giocato contro una squadra e noi non siamo stati squadra. Se la Roma va in Champions c'è un programma, altrimenti cambieranno aria in parecchi".

Dzeko ed El Shaarawy hanno il contratto in scadenza

E tra "i parecchi" ci sarebbero proprio Dzeko ed El Shaarawy che ha il contratto in scadenza a giugno. Secondo alcune indiscrezioni di mercato, sarebbe stata avviata una trattativa tra il capocannoniere della stagione 2016-17 con l'Inter. La Roma sembra intenzionata a lasciar partire un attaccante di 33 anni con un contratto da 6 milioni di euro a stagione in scadenza nel 2020. Più complicata la situazione di El Shaarawy. Il "Faraone" vuole certezze sul suo impiego futuro alla Roma e un adeguamento contrattuale. Oggi guadagna 2,5 milioni netti più i bonus, ma chiede un adeguamento.