Tiscali.it
SEGUICI

Poker al Monza e la Roma si rilancia verso la zona Champions. Milan, vittoria sulla Lazio fra troppi veleni

I giallorossi guidati da Daniele De Rossi non si fermano più. Pari fra Salernitana e Udinese, furia biancoceleste per il finale contro i rossoneri

TiscaliNews   
Lukaku: c'è anche la sua firma nelle quattro reti della Roma (Ansa)
Lukaku: c'è anche la sua firma nelle quattro reti della Roma (Ansa)

La Roma passa 4-1 all'U-Power Stadium contro il Monza e continua la sua rincorsa per un posto in Champions: decidono le reti di Lorenzo Pellegrini, Romelu Lukaku, Paulo Dybala e Leandro Paredes, nel finale Andrea Carboni rende solo meno pesante il passivo per i brianzoli. La formazione giallorossa spinge subito sull'acceleratore, rendendosi pericolosa prima con un colpo di testa di Cristante e poi con una conclusione di Pellegrini, che costringe Di Gregorio a rifugiarsi in corner. Al 16' arriva anche il primo squillo da parte dei ragazzi di Raffaele Palladino, che colpiscono il palo con Djuric, autore di un bel colpo di testa su cross di Colpani.

Il crescendo giallorosso

Due minuti più tardi Cristante porta in vantaggio i giallorossi ma, dopo un lungo consulto col Var, la rete viene annullata per un fuorigioco di Dybala. A lungo andare gli sforzi della squadra di Daniele De Rossi portano i frutti sperati, poiché al 38' passano in vantaggio grazie a Lorenzo Pellegrini che, dopo aver saltato Birindelli, infila la sfera nell'angolino. I capitolini cavalcano l'onda positiva e al 41' mettono a referto il gol del raddoppio con Romelu Lukaku, bravo a sfruttare l'assisti di Dybala e a girare la sfera in rete. Nel finale di primo tempo Di Gregorio tiene in partita i biancorossi, compiendo un miracolo su Lukaku. Nella ripresa il Monza prova a rendersi pericoloso con Mota e Djuric, ma a colpire è ancora una volta la Roma, che al 63' trova il 3-0 grazie ad un capolavoro di Paulo Dybala su calcio di punizione. I brianzoli accusano il colpo e provano a riaprire la partita affidandosi a delle velleitarie conclusioni dei singoli, che però non portano a nessun risultato. Nel finale c'è gloria anche per Leandro Paredes, che dal dischetto spiazza Di Gregorio e cala il poker per i giallorossi. È inutile, invece, il gran gol realizzato a tre minuti dal 90' da Andrea Carboni, che fissa il punteggio sul definitivo 1-4. In virtù del sesto successo nelle ultime sette gare, la Roma sale al quinto posto con 47 punti, mentre il Monza resta decimo a quota 36.

Milan, vittoria sulla Lazio tra espulsioni e polemiche

Il Milan batte la Lazio per 1-0 all'Olimpico grazie alla rete di Okafor nelle battute finali e continua a guardare al secondo posto mentre per i biancocelesti la sconfitta non è una sentenza di addio alla Champions, ma ci somiglia tanto. Lazio, però, che va a un passo dal gol con il colpo sotto misura di Vecino su spizzata di testa di Felipe Anderson che sfiora il palo. Al 13° pasticcio Florenzi-Maignan, il difensore appoggia al portiere in uscita che travolge Castellanos. Polemiche dei giocatori laziali ma l'arbitro, nemmeno richiamato dal VAR, fa giocare.

Un finale caldissimo con molti stascichi

Gli animi si scaldano e lo spettacolo ne risente tanto che bisogna aspettare il 39° per una conclusione nello specchio firmata Luis Alberto, troppo debole per spaventare Maignan. La risposta nel Milan è tutta nel destro di Pulisic che trova Provedel pronta alla respinta in angolo e chiude il primo tempo sullo 0-0. La ripresa inizia con gli stessi 22 in campo. E anche con gli stessi ritmi soporiferi. Ma l'episodio che cambia il match arriva con un'ingenuità clamorosa di Pellegrini che, con Di Bello che non ferma il gioco, quasi si ferma perché vede Castellanos a terra, Pulisic - poco sportivo nell'occasione - no e ruba il pallone al terzino che lo stende sotto gli occhi del guardalinee. Il secondo giallo è inevitabile e la Lazio rimane in 10. Il Milan preme, Loftus-Chheck testa i riflessi di Provedel che risponde presente. Dall'altra parte è Immobile ad avere l'occasione giusta, divorandosela a due passi da Maignan. Il gol è nell'aria e il Milan segnerebbe anche con Leao, ma Di Bello annulla per fuorigioco. Quello valido, invece, lo segna Okafor a 2 minuti dalla fine - con la Lazio che chiude in 8 per l'espulsione anche di Marusic e Guendouzi in un finale in cui saltano i nervi - regalando al Milan 3 punti d'oro nella rincorsa al secondo posto, e costringendo la Lazio alla terza sconfitta nelle ultime quattro.

Salernitana e il pari beffa che fa respirare l'Udinese

Finisce 1-1 la sfida salvezza tra Udinese e Salernitana. Succede tutto nel primo tempo, quando a Tchaouna risponde Kamara a pochi istanti dall'intervallo. La prima chance è per gli ospiti e arriva all'8', quando proprio Tchaouna ci prova dal limite dell'area con un bel destro che termina alto di poco sopra la traversa. Due minuti dopo, l'attaccante ci riprova e questa volta non sbaglia quando, nuovamente dal limite ma all'altezza del vertice destro, indovina un gran sinistro a giro che termina la sua corsa nell'angolino lontano dove Okoye non può arrivare. I bianconeri costruiscono una grande occasione per pareggiare già al 18', quando Lucca gira con il mancino a botta sicura a centro area ma Ochoa sbarra la strada all'attaccante avversario con un grande intervento.

Un "punticino"

Al 39', Thauvin smarca in area Lovric con colpo di tacco illuminante ma lo sloveno spreca tutto calciando a lato con il destro da ottima posizione. Un minuto dopo, Ochoa compie una grande parata in tuffo su Lucca ma l'azione è vanificata dal fuorigioco iniziale del centravanti. Sull'ultima palla del primo tempo, arriva l'1-1. Thauvin crossa dalla sinistra e pesca Kamara, che con una splendida rovesciata firma il meritato pareggio con cui le due squadre vanno negli spogliatoi. Il primo tentativo della ripresa è ancora degli uomini di Cioffi, con Thauvin che calcia fuori di poco una punizione dal limite dell'area. Al 17', ancora Thauvin inventa dalla destra per Kamara ma il suo piattone volante finisce alle stelle. Due minuti dopo, i friulani rimangono in dieci quando Ebosele, già ammonito, si prende il secondo giallo a causa di un'entrata in ritardo su Bradaric. I granata a questo punto si riversano in attacco e al 25' sfiorano il nuovo vantaggio quando Tchaouna centra in pieno il palo davanti a Okoye dopo un assist di Candreva. Il capitano ospite, in pieno recupero, calcia poi alto dai 20 metri vanificando una buona azione di contropiede. Il risultato non cambierà più. Dopo questo pareggio, poco utile per entrambe, l'Udinese sale a quota 24 mentre la Salernitana rimane in fondo con solamente 14 punti all'attivo

 

TiscaliNews   

I più recenti

Lecce: Banda operato recupererà in 50 giorni
Lecce: Banda operato recupererà in 50 giorni
Lecce: Ramadani out per un ascesso al collo
Lecce: Ramadani out per un ascesso al collo

Le Rubriche

Pierangelo Sapegno

Giornalista e scrittore, ha iniziato la sua carriera giornalistica nella tv...

Andrea Curreli

Cagliaritano classe '73 e tifoso del Cagliari. Studi classici e laurea in...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Italo Cucci

La Barba al palo, la rubrica video a cura di Italo Cucci, famoso giornalista...