"Provoca il caos ovunque vada, non ci serve": la clamorosa bocciatura di Alonso

Scartata dalla Red Bull l'ipotesi di sostituire Daniel Ricciardo con lo spagnolo. Il team principal: "Non sono sicuro che sia la soluzione migliore per noi"

di Redazione Tiscali Sport

Chi sostituirà Daniel Ricciardo alla Red Bull? E' questa la domanda che si pongono i responsabili della scuderia austriaca dopo l'annuncio del passaggio del pilota australiano alla Renault nella prossima stagione di Formula Uno. Ma l'ipotesi che la scelta ricadesse su Fernando Alonso è stata respinta sul nascere dalla stessa Red Bull. E il team principal Christian Horner non ha usato la diplomazia per dare una motivazione alla bocciatura del pilota di Oviedo che si è laureato campione del mondo nel 2005 e nel 2006.

"Alonso provoca il caos ovunque vada"

Il dirigente della Red Bull ha escluso Alonso sostanzialmente per il suo carattere polemico. "Ho grande rispetto per Fernando. Lui è un grande pilota, davvero grande, ma penso che vederlo alla Red Bull sarà molto difficile - ha scritto Horner sul podcast ufficiale della F1 -. Tende a provocare il caos ovunque vada. Io non sono sicuro che sia la soluzione migliore per noi".

"Preferiamo investire nei giovani"

"Preferiamo investire nei giovani piuttosto che firmare con qualcuno vicino alla fine della carriera", ha aggiunto Horner. "Siamo fortunati ad avere sotto contratto grandi talenti, adesso studieremo la situazione e prenderemo la decisione giusta. D'altronde, ogni volta che abbiamo optato per i nostri piloti, abbiamo avuto successo: Vettel, Ricciardo, Verstappen, Sainz, Gasly ...", ha ricordato Horner.

Quando Alonso scelse la Ferrari

La bocciatura di Alonso però potrebbe essere una sorta di vendetta nei confronti dello spagnolo. Nella sua lunga carriera infatti è stato il pilota asturiano a declinare le offerte della Red Bull. Nel 2009 al termine di una stagione sfortunata e ricca di polemiche con la Renault, Alonso rifiutò le offerte della Red Bull e scelse la Ferrari. "Non mi sono pentito di aver rifiutato l'offerta della Red Bull. Forse avrei vinto più titoli ma non sarei stato felice e non mi sarei sentito bene", disse poi lo spagnolo.

"Ricciardo alla Renault? Potrebbe pentirsi"  

Ma in casa Red Bull si parla anche di Ricciardo, indicato dai bookmakers come futuro ferrarista e poi approdato alla Renault. "Ricciardo potrebbe pentirsi della sua decisione - ha spiegato Horner -. Non l'ho ancora accettata. Ho pensato che stesse scherzando, ma lui è stato chiaro e rispettiamo la sua scelta. La Renault è una squadra in crescita, ma è lo stesso difficile da capire, ma avrà le sue ragioni. Avrei potuto capirlo se fosse andato in Ferrari o Mercedes, ma è un enorme rischio in questa fase della sua carriera".