La guerra è finita: via Arrivabene, Binotto al comando della Ferrari

Il "team principal" della Rossa lascerà il suo posto al direttore tecnico. La nota ufficiale: "Decisione è stata presa di comune accordo con i vertici dell'azienda"

La guerra è finita: via Arrivabene, Binotto al comando della Ferrari
Maurizio Arrivabene e Mattia Binotto (Ansa)
di Redazione Tiscali Sport

Via Arrivabene, Binotto al comando. La guerra interna alla Ferrari ha avuto termine qualche mese prima dell'inizio della nuova stagione di Formula Uno. La scuderia di Maranello ha deciso di cambiare il vertice della Gestione sportiva, con l'attuale team principal sostituito da quello che fino all'anno scorso era il direttore tecnico della scuderia.

La nota ufficiale della scuderia

"Dopo quattro anni di impegno e instancabile dedizione Maurizio Arrivabene lascia la Scuderia Ferrari - recita un comunicato della scuderia -. La decisione è stata presa di comune accordo con i vertici dell'azienda dopo una profonda riflessione in relazione alle esigenze personali di Maurizio e a quelle della Scuderia. Da oggi Mattia Binotto assume il ruolo di Team Principal della Scuderia Ferrari. A Mattia continueranno a rispondere tutte le funzioni tecniche". "A Maurizio - prosegue la nota della casa di Maranello - vanno i ringraziamenti da parte di tutta la Ferrari per il lavoro svolto e per aver contributo a riportare la squadra a livelli estremamente competitivi. A lui vanno migliori auguri per il suo futuro e le prossime sfide professionali". 

La doppia vittoria della Mercedes e il flop Ferrari

La lotta interna alla Rossa tra Arrivabene e Binotto sulla Gestione Sportiva è andata avanti per tutta la passata stagione, ma sempre smentita ufficialmente dalla scuderia del Cavallino. La stagione 2018 si è conclusa con la doppia vittoria della Mercedes nel Mondiale piloti con Lewis Hamilton e in quella costruttori. Sebastian Vettel è spesso finito sul banco degli imputati per i suoi errori in gara nonostante la macchina fosse considerata all'altezza delle Mercedes. Ma insieme al tedesco anche il team principal Arrivabene è stato oggetto di critiche interne.

Arrivabene disse: "Binotto? Solo fake news"

Proprio Arrivabene agli inizi di novembre aveva smentito la lotta intestina con Binotto: "Sono solo fake news, sono state messe in giro voci ad arte per destabilizzare il team. Quest'anno è successo spesso, per creare problemi dove non ce ne sono. Mi rifiuto assolutamente di commentare".