Il matrimonio Hamilton-Ferrari si farà, ma nella stagione 2021

Il campione del mondo conferma gli incontri con i responsabili di Maranello: "Non credo ci sia nulla di male a guardarsi intorno". Binotto frena: "E' presto"

di Redazione Tiscali Sport

"Se non puoi sconfiggere il tuo nemico, fattelo amico". La Ferrari sembra intenzionata a seguire il "consiglio" di Giulio Cesare e reclutare il pilota "imbattibile" Lewis Hamilton. Dopo tante indiscrezioni sugli incontri tra il campione inglese della Mercedes e la scuderia di Maranello, avvenuti durante la stagione appena conclusa, ora arrivano le prime conferme. Ed è proprio Hamilton a non nascondersi più. "Non ci vedo nulla di male", ha detto ad Abu Dhabi confermando gli incontri.

"Non c'è nulla di male a guardarsi intorno"

Il 6 volte campione del mondo non ha ovviamente rivelato i contenuti dei colloqui con i rappresentanti del Cavallino. Secondo quanto riportato da La Gazzetta dello sport, al tavolo si sarebbe presentato il presidente della Ferrari John Elkann. "Tutto ciò che accade a porte chiuse è sempre privato anche con chi finisci per sederti - ha detto Hamilton -. Per moltissimi anni non ho considerato altre opzioni, sono andato dritto verso un percorso unico. Penso di essere ancora su quella strada e non ci saranno grandi possibilità di modificarlo, ma non credo ci sia nulla di male a guardarsi intorno".

La Mercedes pronta al rinnovo

La Mercedes conosce la situazione, ma lavora al rinnovo del contratto da 45 milioni di euro a stagione in scadenza nel 2020. "Spero che Lewis finisca la carriera vincendo altri titoli con noi, ma so che tutti avrebbero il desiderio di andare in Ferrari", ha dichiarato qualche tempo fa il team principal, Toto Wolff.

Binotto: "È troppo presto"

Ma la trattativa con la Ferrari andrà avanti con la speranza di vestire di rosso Hamilton nella stagione 2021. "È troppo presto", ha tagliato corto il team principal Mattia Binotto. "Ora stiamo parlando del 2020 perché è finita il Mondiale 2019. Siamo tutti concentrati sul 2020, che è la cosa più importante", ha aggiunto Binotto. Il Mondiale di Formula Uno tornerà a marzo con la gara d'esordio in Australia. Ventidue 22 gran premi, con due new-entry (il 3 maggio 2020 in Olanda e a inizio aprile in Vietnam), per interrompere il dominio Mercedes che va avanti dal 2014.