Tiscali.it
SEGUICI

Christillin "Epilogo triste Juve-Allegri, Motta? Andrebbe benissimo"

di Italpress   
Christillin 'Epilogo triste Juve-Allegri, Motta? Andrebbe benissimo'

La dirigente piemontese: "Speriamo che il club riparta dai giovani" ROMA (ITALPRESS) - "Un epilogo triste quello tra Allegri e la Juve. Bisogna essere grati per tutto quello che ha fatto, per due volte alla guida della Juventus. Soprattutto l'anno scorso ha tenuto una freddezza e un controllo eccezionali in un anno drammatico per la Juve, sotto tutti i punti di vista. Gratitudine sia dal punto di vista sportivo, sia di gestione di una crisi profonda fuori dal campo. Quello che è successo l'altra sera è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso di una situazione di tensione. Certo, non gli fa onore un comportamento come quello dell'altra sera. Forse sarebbe stato meglio provare ad arrivare fino in fondo e concludere un rapporto comunque ormai sfilacciato. Però la gratitudine rimane". Così Evelina Christillin, membro aggiuntivo della Uefa nel Consiglio della Fifa e tifosa bianconera, ospite di 'Radio Anch'io Sport' su Rai Radio 1, sulla fine del rapporto tra la Juventus e Max Allegri. "Per stasera voglio fare tanti auguri al mio amico Paolo Montero - ha proseguito la dirigente piemontese in merito al debutto dell'ex difensore bianconero sulla panchina juventina per le due ultime di campionato, a cominciare dalla sfida con il Bologna - È una prova del fuoco, anche se ormai le due squadre hanno raggiunto i loro obiettivi.

Thiago Motta alla Juve? Se ne parla da tempo, andrebbe benissimo. Da quello che leggo e sento sarà poi lui a guidare la Juve l'anno prossimo. Ha dimostrato sul campo la sue capacità. La Juve ripartirà dai giovani, speriamo che sia così e che faccia onore alla sua storia". In merito all'authority sui conti dei club, Fifa e Uefa stanno già monitorando: "A Bangkok, dove si sono svolti sia il consiglio che il congresso della Fifa, non se ne è parlato ufficialmente. Ma le domande ci sono state. Nel momento in cui la proposta della formazione di questa nuova authority ha preso forma, Uefa e Fifa hanno voluto vedere i documenti a disposizione e hanno scritto una lettera congiunta in cui si sollecita la massima attenzione e si sottolinea l'indipendenza e l'autonomia dello sport. Ci sono altri casi in cui due federazioni importanti come quella spagnola e quella inglese sono sotto osservazione degli organismi internazionali. Non bisogna precipitare le cose e bisogna seguire la vicenda con il massimo rispetto per il governo. Non so come evolverà la situazione, dipenderà dal presidente del Coni Malagò, dal ministro dello sport Abodi, dal presidente Figc Gravina e dal presidente Fip Petrucci, quest'ultimo l'unico che mi sembra abbia aperto una finestra di possibilità. Per Fifa e Uefa sono prioritari l'indipendenza e l'autonomia dello sport, ma la situazione dei conti delle squadre italiane è veramente fuori controllo. Secondo il report Uefa, l'83% dei ricavi delle squadre di Serie A sono spesi per gli stipendi, nessuna società di altro genere starebbe in piedi con dei conti così. Bisogna darsi una regolata, so che il presidente Gravina ha in mente una serie di riforme. Speriamo si trovi una mediazione in modo che si possa continuare a lavorare insieme, sicuramente con l'apporto del governo, ma con l'autonomia dello sport preservata". Meno di due anni a Milano-Cortina 2026. Si parla di costi lievitati e ritardo sulle opere, ma gli enti locali rassicurano: "Su questo so molto poco, posso solo dire che ho grande fiducia in Andrea Varnier, amministratore delegato della Fondazione Milano-Cortina. Ha lavorato con me a Torino, è una persona seria. Alcune cose non saranno pronte come erano state definite nel dossier di candidatura, mi riferisco soprattutto alle strade. Mi auguro che la questione del bob non diventi una dramma come è stato a Cesana. Costruire una pista da bob in meno di dodici mesi, con i test event pre-olimpici programmati a marzo dell'anno prossimo, mi sembra una missione quasi impossibile, rischiando di lasciare la solita cattedrale nel deserto. Forse - ha concluso Christillin - dagli errori qualcosa si dovrebbe imparare. Tanti auguri". - Foto Image - (ITALPRESS). mc/com 20-Mag-24 09:25 .

di Italpress   
I più recenti
Blois: Iannaccone agli ottavi, fuori Berrettini
Blois: Iannaccone agli ottavi, fuori Berrettini
Poznan: eliminati Fonio e Mager
Poznan: eliminati Fonio e Mager
Ilkley: Napolitano agli ottavi
Ilkley: Napolitano agli ottavi
Cattolica: Pecci in rimonta ai quarti
Cattolica: Pecci in rimonta ai quarti
Le Rubriche

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Pierangelo Sapegno

Giornalista e scrittore, ha iniziato la sua carriera giornalistica nella tv...

Andrea Curreli

Cagliaritano classe '73 e tifoso del Cagliari. Studi classici e laurea in...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Italo Cucci

La Barba al palo, la rubrica video a cura di Italo Cucci, famoso giornalista...