Tiscali.it
SEGUICI

Non solo Zverev-Nadal: 5 primi turni da non perdere

di SuperTennis   
Non solo Zverev-Nadal: 5 primi turni da non perdere

Nei sorteggi dei tornei di tennis la classifica fa la sua parte, ma quando alcuni nomi illustri non figurano nell’elenco delle teste di serie l’urna può regalare sfide da urlo già al primo round. Succederà al Roland Garros, con due duelli che in passato, sugli stessi campi, hanno messo in palio molto di più di un semplice secondo turno. Abbiamo selezionato i cinque match potenzialmente più interessanti.

ALEXANDER ZVEREV vs RAFAEL NADAL

C’erano pochissimi accoppiamenti in grado di preoccupare persino Nadal nella sua Parigi, e uno solo capace di scontentare Zverev, arrivato in Francia dopo lo splendido successo agli Internazionali BNL d’Italia che promette di rilanciarlo un’altra volta. Esattamente quello scenario si è concretizzato, perché i due saranno avversari in un primo turno che metterà di fronte il giocatore più in forma del momento e la leggenda che sul mitico Court Philippe Chatrier ha collezionato qualcosa come 14 titoli. Con buona probabilità, Rafa lo calcherà quest’anno per l’ultima volta, partendo da un duello già giocato 10 volte in passato (7-3 Spagna), con tanto di finale a Roma 2018 e semifinale due anni fa proprio al Roland Garros.

Un match difficile da dimenticare per entrambi, perché stroncato nel tie-break del secondo set dal terribile infortunio alla caviglia del tedesco, costretto a chiudere lì la sua stagione, fra urla di dolore e lacrime. Due anni più tardi, ora che Sascha si è finalmente ripreso a tutti gli effetti dall’infortunio, gli tocca di nuovo Nadal, per un’opportunità di rivalsa contro la sfortuna del 2022. Guai a dare lo spagnolo per spacciato, ma se sarà il suo ultimo match a Parigi potrà almeno dire di averlo perso contro un signor giocatore.


STAN WAWRINKA vs ANDY MURRAY

I tempi d’oro sono alle spalle per entrambi, e anche da un bel po’, ma un primo turno Slam fra Stan Wawrinka e Andy Murray non può passare inosservato. Perché è un duello super affascinante fra pluricampioni Slam che in due fanno quasi ottant’anni e si sono già affrontati in ben 23 occasioni, fra le quali sette sfide in tre diversi Major, sei in altrettanti Masters 1000, più i Giochi Olimpici, le ATP Finals e pure la Coppa Davis. Insomma, un superclassico della racchetta che proprio al Roland Garros è stato per due volte una semifinale, con una vittoria per parte fra 2016 e 2017, ma curiosamente anche un primo turno, nell’edizione autunnale del 2020. Vinse facilmente lo svizzero, il quale però nella conta dei precedenti insegue (13-10). Difficile fare pronostici oggi che entrambi appaiono sulla via del tramonto, ma quando si affrontano due titani simili il prezzo del biglietto è sicuramente ripagato.


CASPER RUUD vs JAKUB MENSIK

Da una parte c’è uno che al Roland Garros è arrivato in finale nelle ultime due edizioni, fermandosi solo contro gli imbattibili Rafa Nadal (prima) e Novak Djokovic (poi), mentre dall’altra c’è un giovane arrembante che il Major parigino l’ha giocato solo fra gli juniores, e senza nemmeno fare troppa strada. Ma ad appena 18 anni il ceco Jakub Mensik ha già fatto vedere grandissime cose, battendo due degli ultimi tre top-10 affrontati. Un bilancio che, unito a freschezza, potenziale e voglia d’emergere, lo rende un avversario di primo turno molto difficile persino per Ruud, mai affrontato in precedenza.

NICOLAS JARRY vs CORENTIN MOUTET

Un giocatore nella miglior forma della sua carriera, come il finalista di Roma, contro un tennista di casa, dal carattere fumantino e con l’innata capacità di aizzare il pubblico e sfruttarne l’energia in campo. Per questo, una sfida che in altri periodi dell’anno (e su altri campi) sarebbe passata sotto traccia può diventare uno degli incontri più scoppiettanti del primo turno parigino. Il francese non sta giocando un tennis indimenticabile e contro Jarry ha perso tre volte su quattro, ma la sfida del 2024 l’ha vinta lui (7-6 7-6, peraltro in Cile) e davanti al pubblico francese può diventare un avversario molto complicato.


DANIIL MEDVEDEV vs DOMINIK KOEPFER

Daniil Medvedev al Roland Garros di quest’anno ha una sola priorità: fare meglio della figuraccia dello scorso anno, quando si presentò da campione di Roma ma uscì di scena già all’esordio, battuto dal brasiliano Thiago Seyboth Wild. Dodici mesi dopo, l’avvicinamento è stato meno trionfale ma per il russo e la sua relazione complicata con la terra battuta potrebbe essere un bene, perché di pressioni stavolta non ce n’è nemmeno l’ombra (tanto che per i bookmaker è solo il nono favorito). Ma il suo primo avversario va comunque preso con le pinze: è il tedesco Dominik Koepfer, non uno specialista del rosso ma un giocatore che può giocare a buonissimi livelli dappertutto. Può nascere una bella partita.

di SuperTennis   
I più recenti
Coppa America, l'Argentina batte 2-0 il Canada nel primo match
Coppa America, l'Argentina batte 2-0 il Canada nel primo match
Blois: Iannaccone fermato da Berankis
Blois: Iannaccone fermato da Berankis
Poznan: Samuel Vincent Ruggeri fuori nei quarti
Poznan: Samuel Vincent Ruggeri fuori nei quarti
Ilkley: Napolitano si ferma agli ottavi
Ilkley: Napolitano si ferma agli ottavi
Le Rubriche

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Pierangelo Sapegno

Giornalista e scrittore, ha iniziato la sua carriera giornalistica nella tv...

Andrea Curreli

Cagliaritano classe '73 e tifoso del Cagliari. Studi classici e laurea in...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Italo Cucci

La Barba al palo, la rubrica video a cura di Italo Cucci, famoso giornalista...