Spadafora: “Occasione importante per la ripresa economica”. Pierro: “Finals, modello per la ripartenza del Paese”

Spadafora: “Occasione importante per la ripresa economica”. Pierro: “Finals, modello per la ripartenza del Paese”

Prima di iniziare il suo intervento alla conferenza stampa di lancio delle Nitto ATP Finals 2021 Giuseppe Pierro, Capo Dipartimento per lo Sport - Presidenza del Consiglio dei Ministri, ha letto un breve messaggio del Ministro dello Sport Vincenzo Spadafora, impossibilitato ad intervenire alla presentazione di Torino. “Caro presidente Binaghi purtroppo, con grande dispiacere, non potrò essere con voi a Torino alla presentazione delle prossime Nitto ATP Finals. Sono convinto che questa importante manifestazione internazionale sarà per il nostro Paese un’occasione davvero importante per rafforzare la ripresa economica. Dopo questa pandemia e questi mesi duri e difficili abbiamo bisogno di progettare e di guardare con fiducia al domani, e manifestazioni come le Nitto ATP Finals rappresentano la giusta direzione verso cui orientarci”.


Per ottenere l’organizzazione delle Finals 2021-2025 Torino ha dovuto superare una concorrenza agguerrita. “La competizione è stata importante - sottolinea Giuseppe Pierro, Capo Dipartimento per lo Sport - Presidenza del Consiglio dei Ministri - con città importanti come Singapore, Londra Tokyo. E la competizione l’abbiamo vinta. Per cristallizzare questa vittoria il Governo ha fatto una legge olimpica il 13 maggio: quattro articoli, semplici ma che hanno detto cose importanti. Ovviamente i finanziamenti, in questo caso occorre dirlo: 78 milioni di euro di investimenti da parte del Governo. Da parte della Presidenza del Consiglio la notizia, credo che per il Comitato possa essere buona, è che abbiamo firmato un primo provvedimento: i primi 18 milioni di euro tempestivamente sono arrivati agli organizzatori”.


“Quindi - aggiunge - si incomincia a camminare, benzina importante per organizzazioni come queste: il resto nei prossimi cinque anni. E poi altri articoli brevissimi che secondo me racchiudono un po’ il senso dell’impegno del Governo e della Presidenza del Consiglio per queste manifestazioni. Intanto focalizziamo e riconosciamo il lavoro della Federazione, che è un lavoro di squadra ma guidato con intelligenza e con visione dalla Federazione. Quindi la legge lo riconosce e dà alla Federazione il compito di guidare questo gruppo ad andare avanti, impegna il Governo a partecipare con la Federazione mettendo a disposizione le competenze, il know-how di Sport e Salute, indiscutibilmente con una vocazione per il rilancio degli eventi sportivi e quindi una spinta importante per il rilancio del Paese”.


“E poi ci lascia alcuni compiti importanti - dice ancora Pierro - intanto rivalorizzare il Paese. Grazie alla città di Torino, alla Regione: ci proietta verso il futuro. Leggevo qualche giorno fa un articolo che ricordava nell’Ottocento la nascita di un primo circolo a Torino grazie alla volontà di alcuni aristocratici. Dall’Ottocento andiamo vero il futuro: in cinque anni abbiamo un compito importante. In conclusione, e mi rivolgo al presidente Binaghi, quest’anno è stato un anno di dolori e gioie: abbiamo ancora le ferite aperte di vedere gli eventi sportivi senza pubblico, abbiamo combattuto insieme per cercare di riportare gli spettatori”.


“In questi giorni  - aggiunge - stiamo ancora discutendo sulle riaperture e mi auguro che veramente si possa andare avanti. Per fortuna una giornata come oggi ci proietta in avanti: quindi l’impegno è a guardare ad una ripartenza da vari punti di vista. Intanto da quello dai giovani: stiamo vivendo un momento storico per il tennis. L’impegno del Governo è di valorizzare lo sport per i giovani, a cominciare dalle scuole: un progetto ATP che spinga anche i valori dello sport. Un modello per la ripartenza del Paese: i numeri sono impressionanti, un indotto di 600 milioni di euro. La sfida che ha lanciato il presidente Binaghnoi la accettiamo molto volentieri".


“Solamente quest’anno il ministro Spadafora ha approvato il finanziamento di quattro/cinque eventi internazionali in Italia. Si parte dalle ATP Finals ma avremo anche gli Europei di atletica, gli Europei di nuoto, Campionati del Mondo di sci a Cortina. Stiamo puntando su un modello di rilancio del territorio attraverso gli eventi sportivi. La sfida del presidente di creare un modello per valorizzare la spesa dello Stato e rilanciarlo con l’indotto nel territorio è una sfida che vogliamo accettare e quindi useremo questo modello anche per i prossimi eventi. Un ultimo ringraziamento ai partner lo devo fare per come stanno lavorando per lo Stato: riconosco che la partnership pubblico-privato funziona. Questo è un esempio: quindi dobbiamo ringraziare il sostegno del privato in un’impresa come questa”.